Come collocare il forno a legna all'interno e all'esterno degli edifici?

Tutti i consigli e i requisisti da rispettare, relativi alla collocazione del forno a legna. Gli ambienti domestici o gli spazi aperti? Quali sono i luoghi ideali per la collocazione del forno a legna? Quali sono i fattori da attenzionare? La dimensione degli spazi, la canna fumaria, e le distanze di sicurezza.

Il forno è uno dei complementi d'arredo più indispensabili per le abitazioni, poiché è uno dei sistemi di cottura più usati per la pasticceria e per la cucina salata.
Ogni cucina ne è provvista, ma è possibile collocare il forno anche in altre zone della casa, in quanto, esso può diventare un complemento d'arredo, ricercato esteticamente, oltre che funzionale e pratico.

In commercio esistono differenti tipologie di forno, da quello a gas a quello tradizionale a legna, fino ad arrivare alle moderne colonne forno, integrate nelle cucine per interni. Nonostante sia possibile posizionare il forno in qualsiasi ambiente, purché sia funzionale alla cottura, esistono delle linee guida da rispettare che consentono di collocare le differenti tipologie, in maniera appropriata ai locali.

Forno a legna collocato all'interno di un'abitazione
(Forno a legna collocato all'interno di un'abitazione)

Qui di seguito, viene affrontata la questione relativa alla giusta collocazione del forno a legna negli spazi interni ed esterni.

MEGLIO IL FORNO A LEGNA ALL'INTERNO O ALL'ESTERNO DEGLI EDIFICI?

Uno dei quesiti che spesso tormenta gli arredatori, o gli apprendisti arredatori, è quello di scegliere la giusta collocazione del forno a legna all'interno o all'esterno degli edifici. Entrambe le scelte risultano vantaggiose e svantaggiose allo stesso tempo, poiché consentono di usare il forno durante specifici momenti e situazioni.

Il forno a legna collocato in esterno è considerato molto più pratico e conveniente, in quanto consente di sfruttare tutto lo spazio a disposizione, senza dover rispettare i limiti delle pareti, cosicché i movimenti indispensabili per la cottura risultano molto più fluidi; il rischio di sporcare in giro si abbassa notevolmente e il dimensionamento della canna fumaria non costituisce un problema.

Forno a legna in fase di costruzione collocato all'esterno
(Forno a legna in fase di costruzione, collocato all'esterno)

Un tempo, tutte le abitazioni erano provviste di un forno a legna interno, poiché era comune l'usanza di impastare e cuocere il pane in casa. In ogni abitazione, infatti, veniva predisposta una zona, interamente adibita alla collocazione del forno, con la giusta dimensione e tutti i comfort necessari.

Le case moderne, chiaramente, non prevedono più la collocazione di un forno a legna all'interno delle abitazioni, poiché le usanze culinarie, oggigiorno, sono mutate, consentendo a moderni formati elettrici o a gas di entrare a far parte dell'arredamento.

Forno a legna collocato all'interno di un'abitazione
(Forno a legna collocato all'interno di un'abitazione)

Tuttavia, gli intenditori della cottura a legna non vogliono rinunciare al forno tradizionale, da collocare all'interno delle proprie costruzioni moderne. Proprio per questo motivo, architetti e arredatori concordano insieme al cliente la giusta collocazione, in modo tale da non scontentare nessuno, nemmeno il forno, il quale richiede di rispettare determinati requisiti, ovvero i seguenti:

  • una zona grande per la collocazione dell'intera struttura del forno a legna;
  • un ampio ambiente all'interno del quale il forno viene sistemato, così da consentire le operazioni necessarie per la cottura;
  • uno spazio adibito alla sistemazione della legna;
  • una canna fumaria adeguata.

Per il forno a legna posizionato all'esterno, basterà seguire le indicazioni tecniche indispensabili e garantire uno spazio dinnanzi al forno sempre asciutto, proteggendo la parte bocca del forno dagli agenti atmosferici, evitando così la formazione di fango, pericoloso per le azioni di cottura.

QUANDO IL FORNO A LEGNA È POSIZIONATO ALL'INTERNO DELLE ABITAZIONI

I VANTAGGI

Collocare il forno a legna all'interno delle abitazioni consente di usufruire costantemente della sua funzione, indipendentemente dalla situazione climatica esterna. Inoltre, il posizionamento del forno vicino al piano cottura, permette una gestione più agevole dei cibi; ugualmente, il forno, riparato dalla struttura della casa, viene tutelato dal vento, dall'azione degli agenti atmosferici e dall'eventuale risalita dell'umidità, che può verificarsi durante i periodi di inattività del forno.

Bellissimo modello di forno a legna posizionato all'interno di una struttura in stile rustico
(Bellissimo modello di forno a legna posizionato all'interno di una struttura in stile rustico)

L'involucro protettivo della casa, inoltre, consente di mantenere il riscaldamento del forno e ritardarne il raffreddamento.

BISOGNA FARE ATTENZIONE A…

Prese d'aria e canna fumaria

Nel caso in cui si procedesse con la collocazione di un forno a legna all'interno delle proprie abitazioni, è necessario rispettare tutte le normative previste per gli apparecchi di riscaldamento, relative alle prese d'aria e alla canna fumaria.

La collocazione del camino all'interno delle abitazioni deve prevedere l'installazione di una canna fumaria che raggiunga la sommità del tetto della casa. La canna fumaria deve avere una dimensione idonea al tiraggio, così da garantirne il corretto funzionamento; infatti, i problemi delle canna fumaria dipendono essenzialmente dalla cattiva progettazione della stessa e interessano soprattutto il tiraggio.

Forno in pietra con canna fumaria molto alta
(Forno in pietra con canna fumaria correttamente dimensionata)

Le problematiche della canna fumaria sono abbastanza evidenti, perché possono palesarsi in difetto di tiraggio o eccesso di tiraggio.
Nel primo caso, il forno si riempirà di fumo, inondando i locali di una coltre insopportabile; nel secondo caso, invece, gli effetti sono ugualmente controproducenti, poiché i rischi sono adducibili ad un consumo eccessivo di combustibile, ad un rapido surriscaldamento e alla repentina bruciatura dei cibi, a causa del ricambio continuo di aria calda e fredda.

Gli spazi e la struttura

La collocazione del forno a legna all'interno delle abitazioni necessita anche di uno spazio ben definito e molto ampio, in quanto sia la struttura in sé, sia le operazioni di cottura previste, necessitano di una zona molto spaziosa: ecco perché è fortemente sconsigliato scegliere di posizionare un forno a legna in miniappartamenti.

Un forno a legna, collocato all'interno di una appartamento, durante i mesi estivi, più risultare un'esperienza insopportabile a causa dell'alta temperatura prodotta, in grado di far soffocare anche i più allenati ed esperti.

Forno a legna con insufficiente spazio dinnanzi alla bocca
(Forno a legna con spazio insufficiente davanti alla bocca: i movimenti durante la cottura sono limitati)

A livello strutturale, un forno a legna realizzato in muratura, necessita di una struttura portante ben solida, solitamente realizzata con un solaio in cemento armato, dunque, è indispensabile valutarne prima la tenuta della struttura e semmai preferire il piano terra.

In generale, è indispensabile prestare la massima attenzione alla coibentazione del forno, così da evitare possibili dispersioni di calore e mettere a repentaglio la sicurezza della casa, dagli arredamenti alla struttura edilizia.

Grazioso forno a legno per interni
(Grazioso forno a legna per interni)

Fatte queste premesse, a meno che non si abbia a disposizione una vecchia masseria di campagna, con ampie zone interne, è consigliabile indirizzare la scelta su comodi e compatti forni prefabbricati, in grado di combinare la piacevolezza della cottura a legna, con le dimensioni ridotte degli appartamenti moderni.

QUANDO IL FORNO A LEGNA È POSIZIONATO ALL'ESTERNO DELLE ABITAZIONI

I VANTAGGI

Lo spazio esterno costituisce l'ideale per la collocazione di un forno a legna, in quanto, esso possiede tutti i requisiti indispensabili per condurre agevolmente una cottura a legna.

Un patio, un giardino costituiscono tutti gli ambienti favorevoli per la collocazione del forno a legna, poiché liberi da qualsiasi ingombro, all'interno dei quali è possibile sfruttare tutto lo spazio a diposizione.

Forno a legna posizionato all'esterno sotto una tettoia
(Forno a legna posizionato sotto una veranda esterna: la canna fumaria ha un'altezza maggiore di quella della tettoia)

Per l'installazione di un forno a legna in ambienti esterni si può anche prescindere dalla costruzione di una canna fumaria che raggiunga altezze elevate, dunque sarà sufficiente un dimensionamento adeguato all'aspirazione e all'evacuazione dei fumi che vengono prodotti dal forno stesso.
La collocazione del forno a legna in esterno, inoltre, risulta molto vantaggiosa se si preferisce usare il forno durante i mesi estivi. L'aria aperta consentirà il riciclo diretto dei fumi e del calore prodotto, cosicché risulterà più sopportabile sostare dinnanzi al forno.

BISOGNA PRESTARE ATTENZIONE A…

Gli spazi e gli elementi indispensabili

La costruzione di un forno in ambienti esterni deve consentire uno spostamento agevole e senza ingombri all'interno di spazi facilmente percorribili, soprattutto in direzione di una fonte d'acqua vicina e del deposito di legname.

Oltre allo spazio necessario per compiere i movimenti per la cottura, intorno al forno bisogna prevedere anche la collocazione dei ripiani di lavoro, sia per la preparazione dei cibi sia per la loro sistemazione.

Forno a legna con spazio a sufficienza per i movimenti della cottura
(Forno a legna per esterno con ampio spazio davanti al focolare, così da consentire i movimenti necessari durante la cottura)

Installare un'adeguata illuminazione che consenta di lavorare vicino al forno, in maniera agevole, anche quando è sera.
Attrezzarsi di un recipiente metallico, dotato di un coperchio di sicurezza, per versarvi dentro le braci.

Le norme di sicurezza

Bisogna prevedere la realizzazione di una fondazione molto resistente, anche nel caso in forno viene collocato in esterni, soprattutto se questo è di grandi dimensioni. La parte dinnanzi al forno deve essere riparata dagli agenti atmosferici, così da non creare fango e disturbare la combustione e la cottura con raffiche di vento, al fine di operare in totale sicurezza e comodità. Ciò vale soprattutto per le zone umide, sottoposte costantemente alla pioggia, al freddo e al vento.
La collocazione del forno in ambienti esterni deve rispettare dei fattori importanti, riguardanti le norme di sicurezza:

  • posizionare il forno a non meno di 5 m dall'albero più vicino,considerando, non il tronco, ma il perimetro della chioma;
  • rispettare la distanza di 5 m dai serbatoi di sostanze infiammabili, liquide o gassose;
  • mantenersi alla distanza di 5 m dai fabbricati;
  • rispettare le normative urbanistiche;
  • prevedere una canna fumaria per l'espulsione dei fumi con un'altezza di 1 m o 1,5 m.

Il vento

Nella collocazione del forno in ambienti esterni, inoltre, va valutata la direzione del vento, soprattutto se presenti fabbricati intorno o vegetazione soggetta ad essiccamento: in questo modo si eviterà l'annerimento delle facciate, o l'incendio di qualche albero.

Forno a legna posizionato in una posizione corretta rispetto alle raffiche di vento
(Forno a legna posizionato correttamente rispetto alle raffiche di vento)

Il vento, inoltre, è un fattore da non sottovalutare per la cottura del forno, essa, infatti, può avvenire in maniera più facilitata, solo quando il vento colpisce le spalle del forno, altrimenti si rischierebbe di interrompere la cottura frequentemente e sprecare combustibile inutilmente.

Le strutture vicine

Nel caso in cui il forno sia collocato vicino ad un'abitazione, è indispensabile ricorrere ad una canna fumaria più ampia e lunga, talvolta, fino ad arrivare al tetto dell'abitazione, quando il forno è posizionato adiacente alla struttura abitativa.

Forno a legna da esterno adeguatamente distanziato dalle abitazioni vicine
(Forno a legna adeguatamente distanziato dalle abiatazioni vicine)

La collocazione del forno a legna su balconi o terrazzi va valutata, tenendo conto di una serie di fattori da non sottovalutare, in primis la portata delle strutture, come anche le autorizzazioni locali e condominiali, riguardo la collocazione del forno su piani intermedi o al piano terra. In questi ultimi due casi è indispensabile attenzionare anche la canna fumaria che dovrà raggiungere il tetto.

Articolo letto 24.213 volte

Autore

Dott.ssa Sara Tomasello

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)