I biocaminetti: le domande più frequenti e i dubbi più comuni

Domande e risposte sui biocaminetti: riscaldano veramente, dove acquisto il bioetanolo, producono fumo o odori sgradevoli, hanno necessità di una canna fumaria, devo chiedere l'autorizzazione per l'installazione, la certificazione e tante altre domande.

In un periodo, in cui si ha bisogno di trovare sempre nuove soluzioni ecosostenibili per l'alimentazione dei nostri impianti di riscaldamento attraverso delle risorse rinnovabili, i caminetti a bioetanolo sono gli elementi chiave verso lo studio e la progettazione orbitanti nella sfera delle nuove tecnologie di combustione, con costi di gestione ridotti rispetto agli impianti a gas, metano o GPL.

Il fascino del caminetto a bioetanolo

                                      (Esempio di installazione di un caminetto a bioetanolo)

Il biocaminetto riscalda veramente?

Si. Il biocaminetto produce calore senza dispersioni termiche dalla canna fumaria, inconveniente del tradizionale caminetto, generando circa 3,5-4 kw/h e riscaldando, in modo omogeneo, spazi fino a 50 metri quadri.

Posso utilizzare il biocaminetto per riscaldare tutta la casa?

No, il biocaminetto è un sistema di riscaldamento integrativo e non è sufficiente per riscaldare in maniera ottimale tutta l'abitazione. D'altro canto, nemmeno il caminetto tradizionale, solitamente, è l'unico sistema di riscaldamento presente nell'abitazione, ma viene spesso integrato con stufe e altri apparecchi.

Il biocaminetto necessita di una canna fumaria?

No, i biocaminetti non necessitano dell'installazione di una canna fumaria e per questo ideali come sistema di riscaldamento per coloro che non possiedono un condotto fumario o non possono installarlo, come nel caso dei condomini o piccoli appartamenti. L'alimentazione a bioetanolo, infatti, non genera sostanze inquinanti che devono essere espulse da uno scarico all'esterno perché la temperatura di combustione è di soli 400°.

Quanto costa un biocaminetto?

Un biocaminetto ha un prezzo di mercato che si aggira dalle 300 euro fino alle 1500 euro, per i modelli più grandi e con design particolare.

E' vero che il biocaminetto emana odori sgradevoli?

No, i biocaminetti non generano nessun odore. Il bioetanolo è un combustibile creato dalla fermentazione di zuccheri ottenuti da prodotti agricoli, come la canna da zucchero, i cereali, patate e banane e per questo motivo, sono nel momento dell'accensione e dello spegnimento, si potrebbe percepire un leggero, ma gradevole profumo di mandorle.

Dove acquisto il bioetanolo?

Il bioetanolo può essere acquistato sui siti web, sui siti delle case costruttrici, dai rivenditori di biocaminetti e anche nei supermercati in confezioni che partono dai 5 ai 50 litri.

Quanto costa il bioetanolo?

Il bioetanolo ha un prezzo variabile in base alla quantità acquistata e al luogo in cui l'acquistate. Facendo una stima generale, se acquistate il combustibile in un supermercato andrete a pagarlo circa 3,20-3,50 al litro, per una tanica da 20 litri, mentre sul web, acquistando quantità maggiori si può spendere circa 105 euro per 25 litri, mentre il prezzo si abbassa ancora per 50 litri, circa 175 euro.

Quanto tempo dura un carico di bioetanolo?

La durata del carico di bioetanolo dipende dalla regolazione della fiamma, ma in linea generale, con un litro di combustibile, il biocaminetto ha un'autonomia che va dalla 4 alle 7 ore.

Si può regolare la temperatura del biocaminetto?

Si, è possibile regolare la fiamma comburente, permettendovi di controllare il consumo di combustibile e la temperatura nell'ambiente.

Dove devo installare il biocaminetto?

Il biocaminetto, non avendo canna fumaria, può essere installato in ogni parte della vostra abitazione, anche all'interno di un caminetto preesistente per ottimizzare gli spazi. Fermo restando che, in nessun caso, deve essere spostato quando è acceso e il combustibile non deve essere inserito se non quando il biocaminetto è spento e completamente freddo.

Quanto tempo ci vuole per installare il biocaminetto?

Per l'installazione del biocaminetto, al massimo sono necessari trenta minuti.

Devo chiedere l'autorizzazione per installare un biocaminetto?

No, i biocaminetti non necessitano di autorizzazione nell'installazione, anche perché non sono dotati di canna fumaria.

Come pulisco il biocaminetto?

ll biocaminetto non ha bisogno di essere pulito dalla cenere, dalla fuliggine o dalla polvere, ma deve essere, comunque, pulito per evitare incrostazioni del combustibile.

Articolo letto 58.810 volte

Autore

Dott.ssa Maria Francesca Massa

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)