Che cosa si intende per colonna forno? Come posizionarla all'interno delle cucine moderne?

Che cosa è la colonna forno? Quante tipologie di colonna forno esistono in commercio o in dotazione con le cucine moderne? Tutte le notizie relative a questo innovativo elemento funzionale e di design. Le indicazioni necessarie per realizzare una cucina componibile ad hoc, con una colonna forno sistemata in una corretta postazione.

Oramai, il forno è diventato un elemento indispensabile per la cottura degli alimenti. In realtà, esso, lo sempre stato, sin dall'antichità, anzi, un tempo l'uso del forno avveniva in maniera più frequente, poiché le mamme e le nonne di una volta, impastavano e infornavano il pane, i biscotti e tutto ciò che serviva per il sostentamento della famiglia per un'intera settimana.

Oggigiorno, l'uso del forno, è mutato, ma non per questo esso non rappresenta più un sistema di cottura efficace e apprezzato. Escludendo gli usi professionali, in pasticceria, in pizzeria o in panifici, il forno è ampiamente impiegato anche all'interno delle abitazioni.

Comune forno da cucina
(Comune forno da cucina, posizionato sotto l'impianto del gas)

Se un tempo, il forno a legna deteneva il primato sulle altre tipologie, cosicché, ogni casa possedeva un alloggiamento riservatogli, oggigiorno le abitazioni si fanno più piccole, più pratiche, dunque, talvolta, è necessario abbandonare l'idea dell'installazione di un forno a legna. In questo caso si opta per altre tipologie di forno, solitamente prefabbricati, o compatti, adatti per gli ambienti esterni, quanto per quelli interni, disponendo di comode forme da incassare all'arredamento delle cucine.

Dunque, anche lo stile moderno non riesce ad abbandonare l'installazione di uno degli elementi più tradizionali e usati: il forno, cambia aspetto e si adatta agli ambienti stretti, sistemandosi in comode colonne, così da far parte dell'arredamento stesso della cucina.

CHE COSA SI INTENDE PER COLONNA FORNO? QUALI SONO LE TIPOLOGIE PIÙ IMPIEGATE?

La colonna forno costituisce un metodo efficace per l'inserimento del sistema di cottura tradizionale all'interno delle cucine classiche e moderne. Solitamente, essa viene inclusa all'interno della composizione della cucina, così da essere conteggiata nel preventivo dei rivenditori.

La colonna forno, riesce a unire l'estetica con la funzionalità; in pochi centimetri di spazio, infatti, è possibile racchiudere un forno, dotato delle più innovative tecniche di cottura, ma anche sportelli e cassettiere, in grado di contenere il necessario per la cucina.

Colonna forno posizionata all'estremità della cucina
(Colonna forno posizionata all'estremità della cucina)

Oggigiorno, l'industria dell'arredamento mette a disposizione una serie di modelli e tipologie adatte a qualsiasi necessità, disposizione e dimensionamento, in modo tale che il cliente può facilmente scegliere tra mille composizioni adatte al proprio caso.

In qualsiasi tipologia di cucina è possibile posizionare differenti modelli di colonne forno, ognuna di esse caratterizzate da precise peculiarità; l'elenco seguente consentirà di comprendere meglio l'universo delle colonne forno.

La colonna forno alta raggiunge un altezza di 215/238 cm (la misura è variabile in base al formato dello zoccoletto e del top) e si allinea perfettamente con i pensili alti. In questo modo la cucina perde una buona parte del piano d'appoggio, ma guadagna spazio per il posizionamento degli scomparti alti e bassi, rispettivamente presenti al di sopra e al di sotto del forno. Inoltre, la colonna forno alta, consente di guadagnare volume, poiché gli sportelli o le cassettiere seguono la profondità dell'intero forno che si attesta a 60 cm.

La colonna alta del forno viene considerata la soluzione più indicata a livello estetico, in quanto consente di conferire simmetria e continuità all'intera cucina, poiché raggiunge perfettamente l'altezza degli altri componenti, oltre che bilanciare le eventuali colonne, poste solitamente dal lato opposto.

 Colonna forno alta
(Colonna forno alta posizionata al centro della cucina)

Anche nel caso in cui si scegliesse di impiegare la colonna bassa, si rischia comunque, di togliere spazio necessario per il piano da lavoro, nonché agli scompartimenti per l'alloggiamento di elementi indispensabili per la cucina. Tuttavia, la colonna bassa consente di impiegare lo spazio soprastante per la collocazione di elettrodomestici vari, come nel caso del microonde o del televisore. L'altezza della colonna bassa, inoltre, risulta molto comoda per svolgere le normali azioni di cottura.

Colonna forno bassa o mezza
(Colonna forno bassa o mezza, usata anche come ripiano)

Le semicolonne basse, consentono di posizionare il forno in una posizione inferiore rispetto al piano cottura; ciò consente di impiegare la parte soprastante come piano di lavoro e di appoggio e sfruttare la collocazione del forno basso che non sempre costituisce un fattore negativo. Tuttavia, sia ben chiaro, il forno non raggiunge i livelli di un comune incasso sotto il piano cottura, dunque la postazione godrà pur sempre dei vantaggi del forno alto.

QUALI SONO I PRO E I CONTRO DELLE SISTEMAZIONE DELLA COLONNA FORNO?

Se paragonata ad altre forme di cottura tradizionale, quali ad esempio il forno a legna, la colonna forno, riesce a vincere la sfida, poiché ben si adatta alle esigenze, all'estetica e alla funzionalità degli ambienti moderni.

La colonna forno si inserisce perfettamente nell'estetica moderna delle cucine componibili, in grado di assecondare il movimento e il design richiesto dalla clientela. L'estetica delle moderne colonne forno è molto ricercata, poiché essa rientra a pieno titolo all'interno dello standard delle cucine, dunque non è necessario richiederla o costruirla su misura.

Colonna forno pratica per la cottura
(Colonna forno pratica per la cottura)

La colonna forno riesce, in primis a far guadagnare lo spazio necessario per inserire tutto l'occorrente indispensabile in una cucina, ma al contempo, consente di cucinare in tutta comodità, grazie al posizionamento del forno ad un livello idoneo all'uso: il forno, infatti non viene collocato in basso come, invece, accade per quelli incassati sotto in ripiano del gas.

La colonna forno consente, inoltre, di tutelare i bambini (e chiunque transiti nei pressi) da possibili scottature e altri incidenti vari, grazie ai nuovi modelli di forno dotati di dispositivi a porta fredda, caratterizzati da doppi e tripli vetri.

La colonna forno è in grado di assicurare un cottura più pratica e agevole, poiché consente la sistemazione dei cibi in maniera ordinata, così da controllare la loro cottura, regolarizzarla e, inoltre, procedere con una più rapida pulizia e manutenzione.

Colonna forno bassa con pensile ritirato
(Colonna forno bassa con pensile ritirato)

Sebbene il forno sia un ottimo alleato degli amanti della buona cucina, esso non è sempre proponibile all'interno delle cucine, perché anche nel caso in cui si ricorra alla colonna forno, come espediente funzionale e pratico, essa non può rientrare tra i mq a disposizione.

Talvolta, infatti, quando la cucina occupa ambienti molto ristretti, la colonna forno è il primo elemento che viene eliminato, poiché altrimenti essa comporterebbe una perdita notevole di spazio destinato al piano lavoro. Posizionare un forno alto, infatti, comporta l'inevitabile restringimento dello spazio sul top della cucina.

La sistemazione della colonna forno, inoltre, deve prevedere le giuste distanze dal piano di cottura, dal quale deve distanziarsi almeno 15 cm; il medesimo discorso vale anche nel caso del lavello, soprattutto se quest'ultimo è incassato con top in laminato: una distanza minima comprometterebbe la tenuta dei materiali a seguito di accidentali cadute di sostanze liquide e a rimetterci sarebbe la struttura dell'intera cucina.

DOVE POSIZIONARE LA COLONNA FORNO ALL'INTERNO DELLE CUCINE?

Chiariti gli innumerevoli vantaggi della colonna forno, è giunto il momento di fare alcune precisazioni in merito alla sua collocazione.

Come già detto in precedenza, la colonna forno deve essere posizionata almeno a 15 cm dal lavandino e dal piano cottura, ciò consentirà movimenti più comodi all'interno, durante la cottura, permetterà di disporre di un numero maggiore di piani di lavoro e di tutelare l'intera cucina dalle infiltrazioni dei liquidi.

La colonna forno, inoltre, per motivi meramente estetici, va collocata in maniera simmetrica, speculare e armoniosa con gli altri componenti della cucina: nel caso in cui fossero presenti molti pensili, allora, sarà il caso di spezzare la monotonia con l'inserimento di una colonna forno, dotata di un'altezza differente rispetto al piano di lavoro, quindi si opterà per la scelta di una colonna forno bassa; nel caso in cui, invece, fosse già presente una colonna nel lato opposto della cucina, sarà il caso chiudere la struttura con un'altra, dunque impiegare una colonna forno alta.

Colonna forno posizionata accanto ad altre colonne
(Colonna forno posizionata accanto ad altre colonne)

La colonna forno non teme, tuttavia di essere accostata ad altre colonne, quali quella del frigo o quella della cantina. Infatti, se un tempo si credeva erroneamente che la colonna frigo e quella forno non andassero accostate poiché era possibile il verificarsi di disfunzioni, dovute all'eccessivo calore e all'eccessivo freddo; oggigiorno, questi pregiudizi vengono superati dalla consapevolezza che le moderne industrie di arredamento rinforzano la colonna forno (e quella frigo) di particolari coibentazioni, spesse almeno 4 cm, dunque la possibilità di malfunzionamento è scartata.

La colonna forno può essere posizionata alle due estremità della cucina, oppure al centro, in una cucina monoblocco, con i due lati occupati rispettivamente dal piano cottura e dal lavello e, dalla parte opposta, dal frigo e dalla lavastoviglie.

La colonna forno, inoltre, consente di integrare la struttura con comode e funzionali cassettiere e scomparti porta tutto.

Autore

Dott.ssa Sara Tomasello

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)