Il riscaldamento a battiscopa: cos'è, come funziona e applicazioni su abitazioni private ed edifici storici

Una valida alternativa al sistema di riscaldamento a pavimento, con minore ingombro e stessi effetti benefici nella diffusione del calore: il riscaldamento a battiscopa è facile da installare e adatto a tutte le abitazioni, trovando vaste applicazioni su edifici storico-artistici.

Il riscaldamento a battiscopa, chiamato anche il radiante a battiscopa, è la soluzione di riscaldamento ideale per tutte le abitazioni: non è ingombrante, presenta un impatto visivo nullo, permette di eliminare tutti i sistemi di riscaldamento integrativi, come stufe, stufette, apparecchi termoconvettori, scaldini per il bagno e condizionatori e può essere utilizzato in tutti i periodi dell'anno, in quanto non solo garantisce il riscaldamento di tutti i locali della vostra casa, ma durante il periodo estivo assolve anche la funzione di rinfrescare la casa e, nonostante non possa essere considerato un condizionatore, riesce a garantire una temperatura migliore per le giornate più afose.

La termoconvezione del riscaldamento a battiscopa: cos'è?

Il riscaldamento a battiscopa presenta un funzionamento a termoconvenzione. Di cosa si tratta? Il funzionamento è lo stesso del sistema di riscaldamento a pavimento tradizionale, ma ciò che lo differenzia è l'installazione. Questa tipologia di riscaldamento presenta l'inserimento di un tubo di rame in particolari lamelle, realizzate in alluminio o in ottone antistatico, collocate a una distanza di circa 1 cm l'una dall'altra, nello spazio tra la pavimentazione e le pareti perimetrali dell'abitazione, ovvero nella zona chiamata del battiscopa.

La sezione della parete dietro il tubo di rame viene isolata termicamente, in modo che la temperatura al suo interno arrivi ad un massimo di 45-47 gradi e possa diffondere nell'abitazione un calore sufficiente ad utilizzare questa tipologia di sistema di riscaldamento, come l'unica soluzione per riscaldare tutti i locali, garantendo un sensibile risparmio energetico nell'utilizzo di altri apparecchi per la generazione del calore.

In linea generale, il sistema di riscaldamento a battiscopa può essere visto come una sorta di termosifone che presenta gli stessi benefici di un sistema a pavimento tradizionale, ma con un solo tubo che scorre lungo l'intero perimetro dell'abitazione e distribuisce il calore in modo equo dalle bocchette presenti in questa sezione del locale.

Come funziona il riscaldamento a battiscopa?

Nell'abitazione è presente l'aria fredda, che tende a salire dal basso, giusto? Ecco, quest'aria fredda, mentre sale verso l'alto, si riscalda in prossimità della zona del battiscopa in cui è collocato il riscaldamento, permettendo di arrivare ad altezza d'uomo oramai calda e pronta a riscaldare in modo omogeneo i locali della casa. Come si può notare il funzionamento è molto semplice: l'aria, riscaldandosi in prossimità della batteria dei tubi e diventando leggera, diminuisce di densità, si solleva e, attraverso il processo di termoconvenzione, riscalda i muri facendoli diventare una sorta di grande sistema di riscaldamento radiante. Il calore invade tutta l'abitazione e si percepisce in tutte le parti del corpo e non solo sotto i piedi, come nel caso del sistema di riscaldamento a pavimento. Questo meccanismo di trasmissione del calore si chiama effetto Coanda.

Il tubo è realizzato in rame, un materiale altamente conduttivo, che permette la generazione del calore e presenta un'altezza di 15 cm e 3 cm di larghezza: la mandata contiene acqua calda ad una temperatura di circa 45-60° e il ritorno contiene acqua fredda. Bisogna considerare che, in questa tipologia di riscaldamento, la temperatura è variabile, in quanto dipende dal sistema di generazione:

  • 45° C se si utilizza una pompa di calore;
  • 50° C se si utilizza una caldaia a condensazione;
  • 60° C se si utilizza una caldaia tradizionale.

Il calore nasce, dunque dal sistema di tubi di rame e si diffonde sulle pareti riscaldando le superfici interne dei muri che a loro volta trasmettono il calore all'interno della stanza, eliminando l'umidità presente, causa di muffe e cattivi odori.

Il riscaldamento a battiscopa è adatto e facilmente installabile in tutte le abitazioni?

Il riscaldamento a battiscopa è adatto a tutte le abitazioni, in quanto permette di garantirsi una distribuzione equa del calore e senza sbalzi di temperatura, con una temperatura di esercizio media, che limita gli sprechi energetici e utilizza solo il calore indispensabile a creare un reale confort abitativo.

In realtà l'unica difficoltà di questa tipologia di sistema di riscaldamento sta nell'installazione: il tubo di rame deve essere inserito nella zona tra il battiscopa e le pareti perimetrali dei locali, per cui è necessario che la muratura sia adeguata all'installazione e l'inserimento. Può verificarsi il caso in cui non è possibile incassare il tubo e gli elementi per il riscaldamento a causa dell'ingombro che si creerebbe, per esempio in un'abitazione con una disposizione di mobili particolare. Questi però, sono casi limitati e l'installazione di questa tipologia di sistema è molto pratica e funzionale.

Inoltre, per ovviare alcune problematiche di installazione, in commercio esistono delle innovative tipologie di sistema di riscaldamento a battiscopa radiante che prevede l'inserimento o l'incasso di speciali tubi di rame che presentano uno spessore minore rispetto ai tubi di cui si è parlato sopra. All'interno di questi tubi scorre l'acqua calda direttamente nel sottointonaco della parete perimetrale. Il sistema di tubi viene installato lungo le pareti esterne dell'abitazione che vengono preventivamente isolate termicamente nella loro parte esterna o collocato nelle pareti divisorie per permettere la distribuzione del calore in entrambi i lati della casa. In questo caso, per garantire un riscaldamento ottimale, il sistema di riscaldamento a battiscopa consta di una doppia tubazione che viene installata all'altezza del battiscopa, mentre una seconda fila di tubi viene collocata ad un'altezza di 1-2 metri dal pavimento.

Non è necessario fare un disegno preparatorio per le misure di installazione, ma il sistema di tubi può essere fissato a muro e poi ricoperto con uno zoccoletto in muratura o in altro materiale costruttivo, che può essere scelto in base ai gusti e allo stile di arredamento della vostra abitazione.

Schema del riscaldamento a battiscopa con zoccolino

(Esempio di installazione di sistema di riscaldamento a battiscopa, in cui è evidente la sezione dello zoccolino da cui fuoriesce l'aria calda generata dal sistema dei tubi di rame)

Perché scegliere il riscaldamento a battiscopa? Quali sono i vantaggi?

Scegliere per la propria abitazione un sistema di riscaldamento a battiscopa presenta molti vantaggi che vanno dal risparmio energetico, alla semplice e non invasiva installazione, fino al prezzo di particolare interesse economico, ma ci sono anche degli altri motivi che incentivano la scelta di questo, relativamente recente, sistema di riscaldamento:

  • nel riscaldamento a battiscopa, la temperatura di esercizio non supera mai i 50 gradi, che sono sufficienti per ottenere un grado di confort abitativo che non necessita dell'accensione di ulteriori sistemi di riscaldamento, permettendo un minore consumo energetico sulla bolletta, differentemente da altre tipologie di sistemi di riscaldamento a pavimento, come la tipologia a parquet che necessita di temperature di esercizio più altre delle tradizionali, per proprietà intrinseche alle stesse potenzialità della pavimentazione;
  • per installare un riscaldamento a battiscopa non si ha bisogno di effettuare degli interventi murari, in quanto la parte in cui si eseguono i lavori e tutti gli interventi di inserimento dei tubi per il riscaldamento sono collocati in una zona non utilizzata dell'abitazione, il battiscopa, e nessuna parte della casa viene demolita per poter incassare il sistema dei tubi di rame. Questo vantaggio assume particolare importanza quando si sceglie questo sistema di riscaldamento per cambiare le modalità di riscaldare la propria abitazione, e tutta la casa è già costruita: non si deve demolire una sezione dei locali o la pavimentazione stessa – come nel caso del sistema di riscaldamento a pavimento e per questo consigliato solo negli edifici di nuova costruzione - ma è una soluzione contemplabile in qualsiasi momento della propria vita. Inoltre, se si pensa di ricoprire i tubi con zoccolini o altri materiali, è possibile acquistare anche delle cover removibili o anche solo applicabili al di sopra dei tubi, senza effettuare ulteriori interventi e rendere questa installazione più semplice e veloce possibile;
  • il riscaldamento a battiscopa è la soluzione ideale, come ho detto sopra, per quasi tutte le abitazioni e offre una soluzione di particolare importanza nel riscaldamento di edifici storici o strutture soggette a vincoli storico-artistici. La sua installazione non necessità di interventi invasivi e la stessa efficienza della distribuzione del calore ne migliora le potenzialità termiche, soprattutto se l'abitazione presenta dei muri molto spessi o grandi mura con materiali costruttivi come mattoni o similari con base di calce. Inoltre, non dobbiamo dimenticare che il calore del riscaldamento a battiscopa inizia a diminuire a partire dai 2 metri di altezza fino ad annullarsi oltre i 5- 6 metri. Ciò significa che i locali storici, in cui sono presenti decorazioni, affreschi, dipinti, possono essere riscaldati nelle parti in cui è davvero necessario –ad altezza uomo – preservando il patrimonio artistico che molto spesso è presente nelle parti alte della struttura;
  • il riscaldamento a battiscopa può essere installato anche nella zona bagno, permettendo un'ottimale integrazione anche in ambienti umidi e garantendosi un calore naturale senza l'accensione di ulteriori apparecchi termoconvettori che molto spesso non sono nemmeno consigliati per essere utilizzati nella zona bagno, se non sistemi di riscaldamento appositi creati per questa parte della casa;
  • il riscaldamento a battiscopa, nel suo passaggio di trasmissione del calore dal suo luogo di generazione, il battiscopa, alla sua trasmissione nei muri esterni, permette di eliminare un'alta percentuale di umidità dai muri, diventando la soluzione ideale per le abitazioni che soffrono di queste problematiche.

Schema della diffusione del calore nel riscaldamento a battiscopa, soluzione ideale per tutte le abitazioni

L'immagine mostra la diffusione del calore nel sistema di riscaldamento a battiscopa: la parte azzurra rappresenta lo zoccolino o una cover removibile)

E gli svantaggi?

Non preoccupatevi, l'installazione del riscaldamento a battiscopa prevede molti vantaggi, è vero, ma anche alcuni svantaggi che, per dire la verità, sono di gran lunga inferiori rispetto a tutti i benefici che ne prospetta l'installazione. Vediamo quali sono:

  • il riscaldamento a battiscopa deve necessariamente essere inserito nello spazio disponibile tra la parete perimetrale del locale e la pavimentazione, a ridosso della parete stessa e per questo motivo, quello spazio adibito all'incasso dei tubi deve essere completamente sgombro e non possono essere collocati dei mobili. Questo per motivi di sicurezza, ma anche per i motivi legati alla fuoriuscita ottimale del flusso di aria calda che, successivamente al suo riscaldamento, deve diffondersi sulle pareti e distribuirsi equamente nei locali;
  • il riscaldamento a battiscopa presenta un tempo di reazione alla diffusione del calore molto lento rispetto a riscaldamento tradizionale a pavimento, in cui il calore viene immediatamente percepito sotto i piedi, mentre in questa tipologia di riscaldamento, la diffusione del calore impiega molto di più: l'aria fredda deve essere primariamente riscaldata per essere diffusa in modo ottimale nell'ambiente circostante.
Autore

Dott.ssa Maria Francesca Massa

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)