Perchè scegliere una stufa a policombustibile per la propria casa: vantaggi, costi e alcune tipologie

Tutto sulla tipologia di stufa a policombustibile: conoscere il funzionamento per scegliere quella più si adatta alle proprie esigenze di riscaldamento e risparmiare nel consumo del combustibile, riscaldando la propria abitazione e generando l'acqua calda necessaria al sistema idrico.

Una stufa a policombustile, come dice la parola stessa, presenta un particolare impianto con il quale è possibile alimentare la stufa stessa con numerosi combustibili che vanno dalla legna ai tronchetti, dal carbone al pellet fino ai semi di girasole: in questo modo è possibile scegliere il combustibile che in quel momento è in offerta, il combustibile che abbiamo disponibile e evitare così di rimanere senza.

Scegliere la tipologia di stufa a policombustibile significa risparmiare sensibilmente nel combustibile, ridurre l'impatto ambientale e garantirsi un riscaldamento ottimale nella propria abitazione, senza dispersioni energetiche e con una diffusione e distribuzione omogenea del calore in tutti i locali abitati. Per scegliere però, la tipologia di stufa a policombustibile che più si adatta alle nostre esigenze di riscaldamento è necessario conoscere il funzionamento della stufa stessa, i suoi vantaggi nella produzione del calore, i suoi costi e le potenzialità caloriche.

I vantaggi di scegliere una stufa a policombustibile

La tipologia di stufa a policombustibile presenta numerosi vantaggi che sono insiti alle sue potenzialità come impianto di riscaldamento:

  • possibilità di utilizzare numerosi combustibili;
  • non rimanere mai senza combustibile;
  • risparmiare sul combustibile, scegliendo quello che nel momento è in offerta o presenta un prezzo inferiore;
  • scegliere la potenza calorica che più si adatta alle nostre esigenze, grazie anche al combustibile;
  • design perfettamente adattabile ad ogni stile di arredamento, spazio e dimensione degli ambienti;
  • può essere allacciata ad un sistema centralizzato di riscaldamento, come i termosifoni;
  • necessita di una canna fumaria per lo scarico fumi con la possibilità di utilizzare il condotto del camino tradizionale.

Stufa a policombustibile in stile moderno

(Esempio di installazione di una stufa a policombustibile in stile moderno: piccole dimensioni e possibilità di inserimento in qualsiasi angolo o spazio della vostra abitazione)

Le tipologie di stufa a policombustibile: come orientarsi per risparmiare nel riscaldamento

Oggigiorno sul mercato esistono diverse soluzioni di stufa a policombustibile e per questo è importante conoscere il funzionamento e il consumo relativo al combustibile per scegliere il modello e la potenza termica che si adatta maggiormente al riscaldamento della propria abitazione. L'obiettivo è risparmiare nel consumo del carburante che, nonostante possa essere scelto in base alle offerte o alle necessità, ha comunque un costo che deve essere pesato in base alle esigenze energetiche della propria casa.

La stufa a policombustibile presenta la possibilità di personalizzare i rivestimenti della struttura del suo impianto di riscaldamento, come quella di personalizzare forme e dimensioni per meglio adattarsi ad ogni stile di arredamento della vostra abitazione, dei vostri ambienti di relax o di lavoro, allo spazio disponibile, per garantire a qualsiasi utente di acquistare un prodotto perfettamente integrato e adatto ad ogni esigenza energetica.

Nelle immagini successive potrete ammirare due modelli di stufe a policombustibile perfettamente integrate a due ambienti differenti: moderno-contemporaneo e classico.

Stufa a policombustibile in stile moderno e contemporaneo

(Esempio di installazione di una stufa a policombustibile in stile moderno e contemporaneo: collocazione centrale per la diffusione e distribuzione del calore in maniera omogenea e immediata in tutti i locali dell'abitazione) 

Stufa a policombustibile in ambiente classico

(Esempio di installazione di stufa a policombustibile in un ambiente classico e sobrio in cui viene utilizzato il condotto del camino preesistente per lo scarico fumi)

La stufa a policombustibile: il pregio maggiore è il risparmio nel combustibile

La tipologia di stufa a policombustibile ha particolare rilevanza nel risparmio energetico del riscaldamento dell'abitazione e nell'ottica del perseguimento dell'ecosostenibilità. La stufa a policombustibile ha un'elevata autonomia della combustione e questo permette di ridurre sensibilmente il continuo caricare la stufa con legna o altre biomasse, fruendo del calore che la stessa stufa è capace di sprigionare e diffondere negli ambienti.

Risparmiare nel riscaldamento e nella produzione dell'acqua calda con una stufa a policombustibile

Questa tipologia di stufa permette di risparmiare non solo nel riscaldamento, ma anche se si decide di sfruttare la funzionalità della produzione di acqua calda sanitaria per il proprio sistema idrico.

Per i motivi elencati sopra, per l'elevata autonomia del carico e l'ottimale rendimento termico, questi modelli, se integrati anche al proprio sistema di riscaldamento centralizzato, permettono di raggiungere elevati standard qualititativi a livello di riscaldamento e del soddisfacimento dei bisogni di acqua calda sanitaria in qualsiasi momento della giornata.

Galleria di immagini di stufe a policombustibile

Per chi desiderasse farsi un'idea più dettagliata, visiti la straordinaria galleria di immagini di stufe a policombustibile dell'azienda Pasian.

Per farsi un'idea sui prezzi delle stufe a policombustibile

Per chi desiderasse avere un'idea più dettagliata sul prezzo delle differenti tipologie e modelli di stufe a policombustibile, visiti anche la galleria prezzi stufe a policombustibile della ditta Fokus. Inoltre, anche questa tipologia di stufa è coperta dalla detrazione 55%, permettendovi di acquisatre un prodotto con basso impatto ambientale, una sensibile riduzione delle emissioni di gas serra e un prezzo particolaremnte comptetitivo sul mercato.

Per ricapitolare e fare maggiore chiarezza sul POLIcombustibile

Per utilizzare la biomassa solida come alimentazione di una stufa a policombustibile è necessario che l'intero impianto sia stato progettato e realizzato per sfruttare la più vasta gamma di combustibili. I combustibili come il pellet per l'alimentazione della caldaia, il pellet di bassa qualità, il nocciolino di oliva, i semi di girasole, i gusci di mandorle e noci non sono infatti indicati per essere bruciati in una stufa a pellet tradizionale (come alcuni nonostante i divieti fanno, incuranti del danno che potrebbero causare all'intero impianto a pellet) in quanto producono elevate quantità di ceneri rispetto al pellet tradizionale che non ha nemmeno necessità di essere ripulito frequentemente dalla cenere.

La stufa a policombustibile diventa dunque la soluzione ideale per sfruttare ogni tipo di combustibile, ottenendo un riscaldamento ottimale e senza rischiare di rovinare l'impianto di riscaldamento per avere utilizzato un combustibile non adatto alla combustione. A tal proposito, visiona anche il seguente video in cui si spiega l'importanza di sfruttare differenti combustibili per alimentare gli impianti di riscaldamento (per il 25% responsabili dell'inquinamento ambientale), nell'ottica ecosostenibile, per ridurre l'impatto ambientale e i gravi danni che l'inquinamento atmosferico provoca giornalmente nel nostro pianeta:

Autore

Dott.ssa Maria Francesca Massa

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)