Come eliminare l'umidità, la condensa e la muffa dalla propria casa con una stufa a legna

Eliminare l'umidità, la formazione di condensa, di muffa in casa non è un'impresa facile, ma si possono adottare degli accorgimenti che ne limitano l'insorgere e in alcuni casi, se seguiti con strategia possono eliminare l'insorgere: vi spieghiamo come farlo con una stufa a legna.

Alcuni dei problemi che possono affliggere le abitazioni sono sicuramente la presenza di umidità nelle pareti, la formazione della condensa sui muri e della muffa nei differenti locali della casa: prevenirle, eliminarle e ridurne la formazione non è certo un'impresa facile, ma possono essere adottati degli accorgimenti che se utilizzati con costanza e strategia possono arrivare addirittura a risolvere totalmente il problema.

Vediamo insieme quali sono le metodologia di utilizzo di alcuni prodotti o rimedi per eliminare la formazione di umidità, condensa e muffa, ma soprattutto conosciamo insieme un rimedio molto importante e particolarmente efficace: la scelta di una stufa a legna.

Che cos'è l'umidità e come ridurla o eliminarla?

L'umidità presente nella nostra abitazione può essere percepita nella sensazione di freddo che viene emenata dai muri e dalle pareti: questo elemento comporta la sensazione di gelo e un minore riscaldamento nella casa, la quale riduce sensibilmente il potere calorico dell'impianto.

L'umidità dunque, corrisponde alla presenza di acqua nell'aria, che deve mantenersi sempre a livelli molto bassi.  Per fare un esempio più chiaro, quando piove, nevica o c'è nebbia, l'aria all'esterno contiene un elevato livello di umidità che supera la quantità presente negli ambienti interni dell'abitazione: proprio in questo caso avviene la formazione della condensa.

E' facile comprendere che per eliminare l'umidità è necessario eliminare la causa della sua formazione: la presenza di acqua nell'aria, ma come fare? Ecco alcune semplici regole da seguire:

  • l'umidità relativa deve avere sempre un livello al di sotto del 50%, utilizzando un deumidificatore nel periodo invernale e un condizionatore nel periodo estivo;
  • se l'abitazione ha un ottimale isolamento termico, questo non permette la fuoriuscita del vapore acqueo favorendo la formazione della muffa, per cui è necessario ventilare e arieggiare il locale costantemente;
  • ridurre la presenza di piante da appartamento, in quanto le muffe posso essere aero-disperse nel momento dell'innaffiatura o del loro spostamento.

Che cos'è la condensa e come ridurla o eliminarla?

La condensa è derivata dalla formazione di vapore acqueo depositato sulle pareti o sui muri dell'abitazione. La sua formazione è dovuta allo sbalzo termico quando la temperatura ambientale è sotto i 20°. Per questo motivo, più la temperatura è alta e più la possibilità di formazione di condensa è maggiore.

Naturalmente, i fattori descritti sopra non sono l'unica causa di formazione della condensa, ma a questi devono essere aggiunti la respirazione umana e delle piante, se si possiedono delle piante da appartamento, e lo svolgimento delle azioni di vita quotidiane, come la cottura dei cibi. Alcuni studi dimostrano che giornalmente si producono circa 10-11 litri di acqua che vanno a creare la condensa.

E' facile comprendere che per eliminare la condensa è necessario eliminare la causa della sua formazione: lo sbalzo termico. Per questo motivo è importante:

  • non eccedere con il riscaldamento, il quale farebbe solo aumentare la temperatura e per cui lo sbalzo termico tra l'ambiente interno ed esterno;
  • utilizzare un sistema di riscaldamento che incrementi la circolazione dell'aria, come una stufa a legna ventilata. In questo modo, si potranno raggiungere differenti risultati con un solo apparecchio: garantire il riscaldamento di tutta l'abitazione, ridurre gli sbalzi termici, anche di locale in locale, e ridurre la formazione della condensa.

Per chi volesse maggiori informazioni, consulti anche il piccolo manuale per eliminare condensa e umidità.

Che cos'è la muffa, come ridurla e come eliminarla?

La muffa, per denotarla con termini chiari, non è altro che il prodotto dell'umidità e della condensa. La sua formazione  può avvenire in tutti i locali della casa, ma per il suo insorgere sono maggiormente a rischio:

  • i locali esposti a Sud, in cui non arriva mai l'irraggiamento solare;
  • i locali soggetti alla formazione di umidità e dunque, di condensa come la zona bagno;
  • la cucina, in cui le attività quotidiane non possono evitare la formazione della condensa, anche se la formazione del vapore acqueo può essere ridotta con l'accensione di una ventola auto-aspirante.

Come detto precedentemente, uno dei miglior modi per eliminare e ridurre la formazione di umidità e della condensa è la circolazione dell'aria che deve essere adottata anche in presenza di muffa. Inoltre, il fattore più importante e primo rimedio all'insorgere della muffa è quello di deumificare l'aria senza MAI sollevare la temperatura del riscaldamento, che incrementa la sua formazione.

Deumidificare l'aria è possibile anche con un piccolo deumidificatore da 10-15 litri che ha un prezzo che si aggira intorno alle 100 euro, eliminando l'umidità dall'ambiente, causa prima della formazione della muffa. Se invece, la situazione è in stadio avanzato, l'accensione del deumidificatore, anche se prolungata per tutta la giornata, potrebbe non essere bastevole e nemmeno efficace per eliminare tutta la muffa.

La soluzione migliore rimane quella di installare una stufa a legna, la quale con la sua combustione benefica riesce ad assorbire l'umidità dai muri, dalle pareti, dal soffitto e dal pavimento con la distribuzione di un riscaldamento a irraggiamento che emana il calore su tutti i corpi solidi, differentemente dal deumidificatore che elimina l'acqua dall'aria, ma non dall'abitazione.

Fermo restando che, anche con l'installazione di una stufa a legna, l'abitazione deve essere arieggiata almeno per due ore al giorno per garantirsi la totale scomparsa della muffa. In alcuni casi sono richiesti periodi molto lunghi e l'accensione della stufa a legna deve essere costante, ma non deve mai tenere una temperatura troppo elevata.

Partiamo dai casi più gravi: muffa in stadio avanzato su soffitto e pareti

Stadio avanzato di muffa su soffitto e pareti

          (L'immagine mostra un'abitazione con formazione di muffa in stadio avanzato su pareti e soffitto)

In questo caso, eliminare questa quantità di muffa non è un'impresa di poco tempo, ma necessita di una primaria pulitura con prodotti appositi anti-muffa o con candeggina che deve essere posta direttamente sulla muffa e lasciata asciugare per almeno una giornata. In seguito la muffa deve essere rimossa totalmente e la parete e il soffitto devono essere ritinteggiati con una vernice impermeabile e specifica per le muffe.

L'installazione di una stufa a legna è consigliabile con un'accensione giornaliera per asciugare totalmente le parti che presentavano la formazione della muffa e scongiurarne una nuova formazione.

Muffa in stadio medio-avanzato su soffitto e parete

Stadio medio-avanzato di muffa sul muro di un'abitazione

(L'immagine mostra uno stadio medio-avanzato di muffa sul muro di un'abitazione: l'installazione di una stufa a legna è consigliabile per alcuni mesi, previa anche l'accensione di un deumidificatore)

Per ricapitolare: installare una stufa a legna per eliminare muffe e umidità

Dalle informazioni date in precedenza, si può ben comprendere quanto l'installazione di una stufa a legna sia importante nell'eliminazione della formazione della condensa, dell'umidità e della muffa su pareti e muri, grazie al particolare meccanisco e sistema di funzionamento di cui l'apparecchio di riscaldamento è dotato:

  • la presa d'aria esterna garantisce il riciclo di aria fresca, ovvero la ventilazione dei locali, mentre l'aria dello stesso ambiente viene utilizzata per innescare la combustione della legna;
  • l'umidità viene eliminata dalla contemporanea produzione di calore durante il processo di combustione della legna che emana il calore per irraggiamento, riscaldando tutti i corpi solidi presenti nell'abitazione.

L'importanza di una stufa a legna nelle abitazioni con cappotto termico

Non sono rari i casi in cui in seguito ad interventi di isolamento termico nella propria abitazione, si noti nelle proprie pareti, soffitto o muri i primi accenni di muffa: sono causati dalla mancanza di scambio termico che non è più possibile con l'isolamento totale avuto con l'intervento eseguito, ma in questo caso l'installazione di una stufa a legna, meglio se nella tipologia ventilata, può risolvere questa problematica.

Nel caso di interventi di isolamento termico, come il cappotto termico isolante, l'installazione di una stufa a legna assume particolare importanza nel necessario riciclo di aria dei locali, in quanto con questa tipologia di intervento non vi è più la possibilità di scambio termico, causa della formazione di umidità e muffa.

Per questo stesso motivo, la scelta di una stufa a legna costantemente accesa in una casa con cappotto termico è un fattore di grande utilità nel conservare la salubrità dell'aria degli ambienti.

Articolo letto 65.046 volte

Autore

Dott.ssa Maria Francesca Massa

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)