AIELplus: il nuovo standard formativo per installatori e manutentori di impianti a biomasse

Presentato all'ultima edizione di Progetto Fuoco, il percorso formativo promosso dall'Associazione Italiana Energie Agroforestali consente ai tecnici abilitati di ottenere un certificato di qualifica professionale e un segno distintivo di preparazione e competenza. 40 ore di lezione tra teoria e pratica e due esami finali al termine dei quali gli operatori potranno fregiarsi del marchio AIEL.

Un percorso di formazione destinato agli installatori e manutentori di impianti a biomasse finalizzato a fornire una qualifica a quegli operatori che desiderano distinguersi sul mercato per preparazione e professionalità. 

È il nuovo standard formativo AIELplus, presentato all'ultima edizione di Progetto Fuoco che si è tenuta dal 19 al 23 febbraio scorsi a Verona Fiere. Promosso dall'Associazione Italiana Energie Agroforestali (AIEL), associazione di filiera che raccoglie 300 imprese ‘dal bosco al camino', il percorso formativo si ispira a quanto contenuto nell'articolo 15 del Decreto legislativo 28/2011 riguardante il sistema di qualificazione per gli installatori e allo standard austriaco ‘Biowärme Installateur', considerato un modello di riferimento a livello europeo e che da oltre 13 anni è gestito con successo dall'Associazione Biomasse Austria. 

(L'AIEL è un'associazione di filiera che raccoglie 300 aziende 'dal bosco al camino')

Il certificato di qualifica professionale AIELplus nasce contestualmente alla costituzione, avvenuta lo scorso 29 novembre, del Gruppo di Installatori e Manutentori di Impianti a Biomasse (GIMIB) all'interno di AIEL, affiancandosi ai gruppi di filiera già presenti nell'associazione: il Gruppo dei Produttori Professionali di Biomasse solide agroforestali (GPPB), quello dei Produttori e Distributori di Pellet ENplus (GPDP), il Gruppo Caldaie e Minicogenerazione a Biomasse (GCMB) e il Gruppo Apparecchi Domestici (GAD). 

Al GIMIB possono aderire gli installatori abilitati secondo quanto contenuto alla lettera c dell'art. 1 del DM 37/2008, ossia gli operatori abilitati ad operare sugli impianti di riscaldamento comprese le opere di evacuazione dei prodotti di combustione e delle condense. Chi lo vorrà, potrà ottenere il certificato di qualifica professionale AIELplus, partecipando volontariamente ad uno dei corsi e ottenendo così un riconoscimento che oltre a rappresentare un segno distintivo di professionalità e competenza, costituisce un elemento chiave per lo sviluppo del mercato

(La crescita del mercato dei generatori di calore alimentati a biocombustibili solidi impone un'adeguata preparazione tecnica e un aggiornamento continuo degli addetti ai lavori)

I corsi AIEL

L'interesse da parte delle famiglie italiane nei confronti dei generatori di calore alimentati a biocombustibili solidi, come legna e pellet, capaci di far ridurre sensibilmente costi e consumi energetici, ha fatto crescere esponenzialmente questo mercato, imponendo però nel contempo un'adeguata preparazione tecnica da parte degli addetti lavori. Senza la giusta competenza di installatori, manutentori e consulenti, tutto il settore rischia letteralmente di ‘andare in fumo'. Le problematiche connesse ad una cattiva installazione, ad un'errata o assente manutenzione e ad una gestione non adeguata, sono molteplici e dalle conseguenze spesso molto serie. Ecco dunque che si rende necessaria una profonda conoscenza delle norme tecniche e una formazione continua degli operatori, per aiutare il mercato a crescere sulla strada della qualità e della sicurezza e per distinguersi per preparazione e professionalità. 

Il corso AIEL si articola in 40 ore, di cui 32 costituite da lezioni frontali in aula e 8 di seminario pratico presso laboratori con adeguata struttura e attrezzatura. Al termine è previsto un esame scritto teorico e uno pratico, con la presentazione di tre impianti realizzati a regole d'arte. Chi avrà superato con successo le varie fasi e avrà partecipato a non meno dell'85% delle lezioni teoriche e al 100% delle lezioni pratiche, riceverà il certificato di qualifica di ‘Installatore Manutentore Impianti a Biomasse' e il diritto di uso del marchio per tre anni, prolungabili attraverso un corso di aggiornamento di 8 ore l'anno. L'installatore acquisisce il diritto di uso del marchio quale elemento di marketing per la carta intestata, il sito web aziendale e le vetture aziendali. Sul sito di AIEL sarà pubblicato e aggiornato l'elenco degli installatori/manutentori qualificati AIELplus

(Il corso AIEL è articolato in 40 ore, 32 d'aula e 8 di seminario pratico. Al termine è previsto un esame scritto e una prova con la realizzazione di tre impianti realizzati a regola d'arte)

Le lezioni 

Questo il programma delle lezioni in aula strutturate in quattro giornate: 

1.  Politiche energetiche e standard qualitativi - Potenzialità biomasse agroforestali, differenze qualitative combustibili solidi, norme tecniche, mercato prezzi, valutazione investimenti.

2.  Tecnologie ed emissioni - Requisiti tecnico-costruttivi, normative tecniche installazione, rendimenti, emissioni, sistemi di abbattimento e filtrazione. 

3. Impianto idraulico - Schema di impianto, dimensionamento accumulo inerziale, esempi pratici di riqualificazione energetica, problematiche di regolazione e ottimizzazione impianti. 

4.  Impianti fumari - Corretta installazione e manutenzione, norme tecniche, documentazione e adempimenti, tecniche costruttive. 


Per informazioni: 

www.aiel.cia.it

Articolo letto 934 volte

Autore

Dott.ssa Elisa Di Mattia

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)