Progetto Fuoco: torna la biennale del riscaldamento a biomasse. Tecnologia e design su misura

Dal 19 al 23 febbraio 2014 appuntamento a Verona con la fiera internazionale dedicata alle tecnologie che sfruttano fonti alternative e rinnovabili per la produzione di energia termica. In mostra le ultime novità delle aziende che hanno saputo coniugare sviluppo tecnologico e design, nel segno del comfort e del rispetto ambientale.

Sono oltre 500 gli espositori attesi all'edizione 2014 di Progetto Fuoco, la fiera biennale di impianti e attrezzature per la produzione di calore ed energia dalle biomasse, che si terrà dal 19 al 23 febbraio prossimi nei padiglioni di VeronaFiere. Giunta alla nona edizione, la mostra, dedicata alle tecnologie che sfruttano fonti alternative e rinnovabili come il legno e i suoi derivati per la produzione di energia termica, è una vetrina internazionale delle più importanti aziende produttrici di camini e stufe che hanno saputo coniugare perfettamente sviluppo tecnologico e design. 

All'appuntamento fieristico veronese saranno infatti esposte le ultime novità nell'ambito del riscaldamento a biomasse: stufe e camini alimentati con combustibili di derivazione naturale come legno e pellet, di facile uso ed istallazione, resi ancora più vantaggiosi grazie agli incentivi statali per la produzione di energia termica dalle fonti rinnovabili. Ecologici, facilmente installabili e ad altissima resa, gli impianti di riscaldamento in mostra a Verona avranno anche il vantaggio di essere perfettamente inseriti in qualsiasi arredamento e contesto architettonico.

La manifestazione è dedicata tanto agli operatori professionali del settore quanto ai consumatori finali, sempre più interessati ai vantaggi offerti da stufe e camini di ultima generazione che sfruttano combustibili naturali e rinnovabili come legno e derivati. Sistemi di riscaldamento accattivanti dal punto di vista del design e capaci di far risparmiare sui consumi rispettando l'ambiente.

Per tutti i gusti

A Progetto Fuoco le soluzioni proposte dalle aziende saranno tanto ricche e diversificate quanto le esigenze dei consumatori: dai sistemi di riscaldamento più compatti e dal design all'avanguardia, perfettamente adattabili alle taglie delle case moderne, a quelli più scenografici, capaci di determinare lo stile della propria abitazione. In mostra le ultime novità nel settore delle stufe, nella versione a pellet, combustibile che permette di aumentare l'efficienza degli impianti con un ridotto impatto ambientale e caratterizzate dalle dimensioni ridotte, per la cui installazione le opere murarie si limitano alla sola uscita della canna fumaria e della presa d'aria.

Il tutto condito dalle ultime novità tecnologiche che favoriscono una gestione estremamente personalizzabile in base alle esigenze, come ad esempio la possibilità di programmare gli impianti a distanza via sms, e di riscaldare più stanze attraverso opere di canalizzazione dell'aria.

(Alcuni modelli di stufe in esposizione all'edizione 2012 di Progetto Fuoco - fonte: www.progettofuoco.com)

 

Occhio ai rivestimenti

Oltre alle ultime novità in fatto di funzioni e tecnologie, a Progetto Fuoco non mancherà una rassegna di forme e rivestimenti più all'avanguardia. Dai camini con cornici in maiolica o pietra, caratterizzati da forme squadrate e minimali, a stufe che possono essere appoggiate al muro quasi a scomparire nell'arredamento.  

Oltre ai rivestimenti più tradizionali, sarà possibile scegliere tra una ricca varietà di finiture, dal metallo al bambù, passando per soluzioni originali come l'applicazione di particolari vetri specchiati che mostrano il braciere solo a fuoco acceso. Per gli amanti del genere tornano poi le antiche stufe di ghisa, allestite con un design rivisitato e dall'anima tecnologica come i modelli hi-tech più all'avanguardia. 

(Un originale modello di camino esposto nell'edizione 2012 di Progetto Fuoco - fonte: www.progettofuoco.com)

 

Interesse internazionale

Grazie alla sintesi tra tecnologia e design, Progetto Fuoco si è affermato negli anni come uno degli eventi di settore più importanti a livello internazionale. Oltre ad attendere operatori professionali da tutta Europa, l'edizione 2014 ha catturato l'interesse di rappresentanti del Giappone, Cina e Stati Uniti, paesi sempre più sensibili all'utilizzo delle energie alternative. 

(Design all'avanguardia in questo modello esposto nell'edizione 2012 di Progetto Fuoco - fonte: www.progettofuoco.com)

A Progetto Fuoco 2014 spazio anche ad approfondimenti dedicati ai temi dello sviluppo tecnologico del settore: sono infatti previsti seminari e workshop organizzati dal dipartimento TESAF dell'Università di Padova, da ANFUS (Associazione Nazionale Fumisti e Spazzacamini), da ASSOCOSMA (Associazione costruttori stufe in maiolica) e dai maggiori esperti del comparto.

Grazie ad uno speciale impianto di aspirazione presente in quattro padiglioni, in occasione della manifestazione fieristica sarà inoltre possibile apprezzare il calore del fuoco 'vivo' prodotto da ben 250 camini accesi.

Articolo letto 1.108 volte

Autore

Dott.ssa Elisa Di Mattia

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)