Quale è la giusta collocazione di una stufa a legna all'interno delle abitazioni?

Il progetto per un sistema di riscaldamento mediante stufa a legna non può prescindere dal valutare alcuni aspetti, tra cui la funzionalità della stufa e la temperatura desiderata. Quali sono i segreti per sfruttare al massimo la potenza e il calore delle stufe a legna, così da riscaldare tutti gli ambienti? Come deve essere collocata una stufa a legna?

Uno dei sistemi di riscaldamento più noti e, da sempre, impiegati all'interno delle abitazioni di tutti i tempi è la stufa a legna. Quest'ultima rappresenta la migliore alleata del caminetto, in quanto, entrambi consentono una combustione naturale e caratteristica: riunirsi intorno a un camino a legna o godere dello scoppiettio e del calore di una stufa a legna, praticamente, è garanzia di un medesimo fascino.

Stufa a legna
(Modello classico di una piccola stufa a legna)

Tuttavia, per far sì che la stufa a legna diventi una valida alternativa al riscaldamento usuale delle abitazioni, ovvero quello realizzato mediante termosifoni e pompe di calore, è indispensabile attenzionare in maniera particolare la progettazione e la collocazione.

L'installazione di una stufa a legna può rappresentare un investimento iniziale molto oneroso, proprio per tale motivo è necessario valutare attentamente la tipologia di stufa da scegliere, in grado, così di garantire una migliore efficienza.

Particolare modello di stufa a legna
(Particolare modello di stufa a legna collocato in un ambiente molto ampio)

La dimensione della stufa e la collocazione all'interno degli ambienti sono fattori che giocano un ruolo decisivo per la funzionalità di una stufa: una struttura molto piccola in un ambiente molto grande, sarà come cercare di creare un buco in una vasca d'acqua; la medesima cosa, in senso opposto, sarà valida per una stufa troppo grande, collocata in un ambiente troppo piccolo, si rischierà di generare molto calore inutile. Inoltre, una stufa collocata in una posizione adeguata consente di facilitare il riscaldamento di un ambiente, altrimenti i risultati saranno pessimi.

QUALE È LA FUNZIONALITÀ CHE LA STUFA A LEGNA DEVE ASSICURARE?

La collocazione della stufa a legna deve prevedere l'attenta valutazione di una serie di fattori, primo fra tutti la funzionalità che la stufa ha all'interno degli ambienti.
La stufa a legna può rappresentare la principale fonte di calore dell'intera casa, oppure costituire esclusivamente un apporto supplementare di calore all'interno di una stanza.

In quest'ultimo caso, è possibile ricorrere all'impiego di una piccola stufa, pratica da installare, in grado di generare una piccola quantità di calore: è importante tenere a mente la possibilità di ricavare un foro esterno per consentire l'installazione della canna fumaria.

Piccola stufa a legna collocata in un ambiente piccolo
(Piccola stufa a legna collocata all'interno di un ambiente dalle dimensioni limitate)

Quando, invece, si vuole installare la stufa a legna in sostituzione dell'impianto di riscaldamento tradizionale, allora, anziché prediligere strutture piccole, si opterà per impianti più grandi e sofisticati, da posizionare nella stanza più grande, collocata al centro dell'abitazione, in grado di trasmettere il calore alle stanze attigue.

Quando la struttura della casa prevede ampi spazi separatI da pareti, è indispensabile che il sistema di riscaldamento sia studiato in maniera tale da portare il calore a distanza, la stessa cosa vale anche per le abitazioni a più piani.

Stufa a legna collocata in prossimità di una scala
(Stufa a legna collocata in prossimità di una scala così da permettere la circolazione di aria calda)

In fase di progettazione dell'impianto di riscaldamento, dunque, è indispensabile valutare la piantina dell'abitazione, in modo tale da considerare le dimensioni complessive e le stanze da riscaldare; inoltre, basandosi sullo studio di un foglio catastale e di una sezione in elevazione (se si sta procedendo con un'abitazione a più piani), il progetto della collocazione di una stufa a legna deve prevedere i seguenti elementi:

  • la dimensione delle singole stanze, valutando la collocazione dei muri divisori;
  • la collocazione delle stanze;
  • la collocazione e la dimensione delle aperture interne ed esterne;
  • l'altezza e lo spessore dei solai;
  • l'altezza complessiva dell'abitazione, considerato il colmo del tetto.

In questo modo, è possibile stabilire sia la collocazione della stufa all'interno dell'ambiente, sia anche la misura della canna fumaria, la quale deve essere sempre presente, per consentire il corretto funzionamento di una stufa a legna.

Stufa a legna con canna fumaria inserita nella parte più alta
(Stufa a legna con canna fumaria inserita all'interno della parte più alta)

Una volta stabilito il volume da riscaldare è indispensabile indagare sulla natura dell'impianto di isolamento della casa. La medesima azione va eseguita anche sulla tenuta termica dei vetri delle finestre e degli infissi.

Una buona coibentazione consente di migliorare il riscaldamento delle abitazioni e risparmiare, così, sullo spreco di carburante e di ossigeno.

COME COLLOCARE LA STUFA A LEGNA ALL'INTERNO DELL'ABITAZIONE?

La collocazione della stufa è un'azione che deve essere attenzionata in maniera particolare, in quanto, una volta installata la struttura, compresa di canna fumaria e eventuali condotti per la distribuzione dell'aria calda, essa non potrà essere smontata facilmente.

Tuttavia, una volta fatti bene i calcoli e considerati tutti gli aspetti riguardanti le dimensioni delle stanze, il volume da riscaldare e la funzionalità della stufa a legna, non c'è motivo di temere, poiché il risultato ultimo sarà soddisfacente.

Stufa a legna collocata in un ambiente molto ampio
(Stufa a legna collocata in un ambiente molto ampio)

I passaggi successivi alle valutazioni tecniche riguardano, soprattutto, la decisione inerente all'ambiente dove collocare la stufa a legna e in quale preciso angolo o posizione all'interno di essa.

LA COLLOCAZIONE DELLA STUFA A LEGNA ALL'INTERNO DELLA CASA

La collocazione della stufa a legna all'interno della casa avviene, solitamente, nella parte più centrale di essa; la stanza interessata, infatti, è quella che viene ad occupare uno spazio comunicante con gli altri ambienti e, solitamente, essa è anche quella all'interno della quale la famiglia trascorre la maggior parte delle ore, come ad esempio il soggiorno.

Va da sé che le singole e specifiche esigenze di ogni ambiente familiare possono benissimo mutare tale preferenza, così da collocare la stufa a legna all'interno di una camera da letto o di uno studio.

Stufa a legna
(Stufa a legna collocata su una parete perimetrale)

Per le abitazioni a due piani, invece, la collocazione della stufa a legna va realizzata in prossimità delle scale, così da garantire la circolazione dell'aria calda; allo stesso modo, è possibile creare delle feritoie all'interno dei solai, con apposite ventole, in modo da facilitare la diffusione del calore. La sistemazione di questo impianto di diffusione è regolamentato da precise normative che vanno rispettate, in materia di controllo di apporto calorifero e di spegnimento delle ventole, quando non in funzione.

I CONSIGLI PER LE CASE CON TETTI MOLTO ALTI

Anche all'interno delle stanze, caratterizzate dai soffitti molto alti, è opportuno provvedere alla sistemazione di ventole che favoriscano il riciclo d'aria calda che, altrimenti, ristagnerebbe nella parte superiore degli ambienti.

Se all'interno dell'abitazione fosse presente un locale con un tetto più basso rispetto a quello delle altre stanze, allora, in questo caso, è opportuno collocare una stufa all'interno della stanza in questione, così da non lasciarla completamente al freddo.

Stufa a legna collocata in un ambiente con tetto molto alto
(Stufa a legna collocata in un ambiente caratterizzato da un tetto molto alto)

Un consiglio, per garantire sempre l'apporto calorifero adeguato alle proprie preferenze, è quello di collocare il termostato regolatore del sistema di riscaldamento in una stanza diversa rispetto a quella all'interno della quale è posizionata la stufa: il calore contenuto all'interno dell'ambiente riscaldato, provocherebbe lo spegnimento continuo dell'indicatore, così da lasciare le altre stanze al freddo.

NEL CASO DI ABITAZIONI MOLTO AMPIE

Nel caso in cui le abitazioni avessero una dimensione considerevole, allora, sarà il caso di ricorrere all'installazione di due stufe a legna piccole, al posto di una molto grande. Questo è la modalità scelta per le abitazioni molto grandi che, tuttavia, prevedono pochi ambienti da riscaldare.

Stufa a legna collocata in un ambiente molto grande
(Stufa a legna collocata in un ambiente molto grande)

Un sistema di diffusione, invece, va pensato per le abitazioni molto ampie che vengono utilizzate in toto. In questo sarà necessario ricorrere a qualche intervento di muratura.

In entrambi i casi, non bisogna dimenticare l'alloggiamento per la sistemazione della canna fumaria.

LA COLLOCAZIONE DELLA STUFA A LEGNA ALL'INTERNO DELLA STANZA

La stufa a legna costituisce sia un elemento funzionale al riscaldamento, sia un elemento costituente l'arredamento, dunque, in entrambi i casi deve essere attenzionato e studiato attentamente, così da garantire il giusto apporto di calore, insieme all'abbinamento con lo stile dell'ambiente.

Collocare una stufa a legna in prossimità di una vetrata molto ampia, o su una parete perimetrale, sprovvista di un'adeguata coibentazione, costituisce una scelta azzardata che rischia di disperdere l'intero calore prodotto.

Stufa a legna collocata all'interno della postazione del camino
(Stufa a legna collocata all'interno della postazione del camino)

Tuttavia, la collocazione della stufa deve essere valutata, prendendo in considerazione la possibilità di sistemare la canna fumaria, sfruttando, ad esempio, la presenza di un camino. Affidarsi ad un personale specializzato consentirà di agire nel migliore dei modi.

Il progetto di collocazione di una stufa a legna (specie se ad irraggiamento) all'interno di una stanza, deve valutare anche il posizionamento di elementi potenzialmente infiammabili o danneggiabili a causa dell'eccessivo calore o del fumo. Tappezzerie, mobili di valore, tendaggi, elementi in legno sono alcuni degli elementi che devono essere mantenuti ad una distanza di sicurezza dalla stufa, al fine di evitare possibili incendi o deterioramenti.

L'impianto di riscaldamento con stufa a legna deve tenere conto della collocazione delle prese d'aria esterne che consentano il riciclo d'aria naturale.

STABILIRE LA TEMPERATURA DEGLI AMBIENTI

Chiunque abbia un minimo di esperienza con i sistemi di riscaldamento a legna, può facilmente intuire impossibilità di omologare la temperatura in tutte le stanze. Soprattutto nel caso in cui una sola stufa consentisse il riscaldamento di un intero appartamento, si presenterebbe il caso di stanze particolarmente riscaldate e altre, invece, che rimarrebbero perlopiù fredde o scarsamente riscaldate.

Termostato elettronico
(Termostato elettronico)

Due calcoli e molta attenzione sono i rimedi che servono per realizzare un impianto di riscaldamento a legna ad hoc, prevedendo, dunque, la collocazione della stufa negli ambienti all'interno dei quali si preferiscono temperature più alte.

Per ulteriori approfondimenti sulle stufe a legna e in generale sulla fumisteria si consiglia di consultare l'ottimo sito alfredoneri.com

Articolo letto 19.418 volte

Autore

Dott.ssa Sara Tomasello

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)