Quanto posso risparmiare con le stufe a pellet? Il pellet consente un risparmio energetico?

È vero che le stufe a pellet riescono a garantire un ottimo risparmio energetico? Come fare per permettere ciò? Come smentire chi sostiene il contrario? Quali sono i fattori da considerare per l'acquisto di una stufa a pellet di ottima qualità? Come quantificare i costi di una stufa a pellet nel bilancio economico familiare? come calcolare il consumo di una stufa a pellet?

Con l'arrivo della stagione invernale il problema della spesa del riscaldamento si fa sentire, dunque si va alla ricerca della metodologia più adeguata al proprio appartamento, così da ottimizzare l'impiego di energia e risparmiare sulla bolletta.

In commercio esistono numerosi metodi per il riscaldamento degli ambienti; alcuni impiegano combustibili naturali, ecologici, in grado di rispettare l'ambiente, altri invece si affidano ai materiali tradizionali, altri ancora, invece, si affidano al gas.

Stufa a pellet
(Stufa a pellet)

Quando si acquista un impianto di riscaldamento, a prescindere che esso sia piccolo o grande, si va sempre alla ricerca di un sistema che garantisca un ottimo risparmio energetico e, ultimamente, le stufe a pellet risultano tra i preferiti.

Esse, infatti consentono di risparmiare sul consumo di energia, ma anche sull'emissioni nocive nell'ambiente, così da poter vantare il titolo di impianto di riscaldamento efficiente ed ecologico. La questione è la seguente: è veramente possibile risparmiare con le stufe a pellet?

PERCHÉ IL PELLET È IN GRADO DI GARANTIRE UN RISPARMIO ENERGETICO?

Il pellet rappresenta uno dei combustibili naturali e più economici presenti in commercio. Il costo al dettaglio si aggira intorno a 5euro e ciò risulta molto soddisfacente per coloro i quali si apprestano ad acquistare una stufa.

Il costo del pellet, infatti, è inferiore a qualsiasi altro combustibile disponibile in commercio, persino a paragone con la legna da ardere. Inoltre, il pellet è in grado di assicurare una resa termica maggiore, poiché ogni singolo cilindro, derivante dallo scarto di legname, privo di umidità, consente un'accensione immediata, in grado di durare per lungo tempo.

Combustione dei vari pellet
(Combustione dei vari pellet)

L'impiego del pellet come combustibile, inoltre, riesce ad incidere positivamente sull'ambiente, poiché l'emissioni di CO2 sono decisamente più dimezzate, rispetto al più naturale dei combustibili, ovvero la legna. Il pellet viene realizzato mediante il riciclo di legname derivante da foreste autorizzate, le quali vengono fornite continuamente di alberi.
Le stufe a pellet più diffuse sono ad aria e ad acqua. Le seconde, chiamate idropellet, rappresentano dei sistemi molto interessanti e innovativi, i quali consentono di sostituire le vecchie caldaie, riscaldando l'acqua dei termosifoni mediante un kit apposito.
Le stufe a pellet, inoltre consentono di programmare settimanalmente l'apporto di calore, così da garantire una completa autonomia, nonché una gestione ottimizzata del riscaldamento.

COME RISPARMIARE ENERGIA, DENARO E TUTELARE L'AMBIENTE CON LE STUFE A PELLET?

L'impiego del pellet garantisce un risparmio energetico di oltre il 40% in più, rispetto ad un qualsiasi tradizionale sistema di riscaldamento.
Questa affermazione tanto confortante, all'apparenza idilliaca e onirica, in realtà può trasformarsi in realtà con l'impiego delle stufe a pellet; tuttavia, per ottenere un risparmio così notevole, è indispensabile prendere in considerazione sia i costi d'installazione, sia quelli di mantenimento.

Affinché una stufa a pellet possa garantire prestazioni elevate, con un dispendio minimo di energia, è necessario acquistare un modello giusto, adeguato, dunque scegliere un sistema di ottima qualità, per il quale è necessario spendere una cifra non irrisoria.

Grafica sul pellet
(Grafica sul pellet)

Nonostante la spesa iniziale dell'investimento possa non essere allettante per molti, in realtà, un ottima stufa a pellet è in grado di ripagare nel tempo, consentendo di rientrare nei costi in breve tempo. Coloro i quali hanno intenzione di acquistare un'ottima stufa a pellet, possono ancora godere delle agevolazioni fiscali al 65%, fino al 31 dicembre 2014: questo è un buon motivo per fare un investimento sensato, risparmiando altro la metà del budget, ma scegliendo un impianto ecologico, in grado di assicurare un ottima resa termica e un risparmio energetico da subito evidente.

Come già accennato, il costo dei cilindri di pellet non è in grado di incidere notevolmente sul bilancio familiare, poiché essi rappresentano i combustibili più economici presenti in commercio: con un costo medio di 2,50/3,50€ a confezione, una famiglia può mensilmente spendere circa 30€ per il pellet.

COME SMENTIRE CHI SOSTIENE IL CONTRARIO?

Nonostante vi sia un ampia fetta di mercato che sostenga la grande efficienza energetica del pellet, c'è chi invece, non crede che ossa offra prestazioni miracolose, ma solo conformi alla norma, ovvero paragonabili a qualsiasi altro sistema di riscaldamento.

Chi sostiene ciò si concentra sul fatto che l'apparente risparmio, derivante dal pellet, dipenda esclusivamente dal basso costo con il quale esso si presenta all'interno del mercato, ma non si fa menzione del consumo di energia che prevede la stufa per il suo funzionamento.

La stufa a pellet, come qualsiasi sistema di riscaldamento (ad esclusione del camino a legna), oltre a produrre calore, necessita anche dell'impiego di energia elettrica per funzionare. Il consumo della stufa a pellet, dunque deve essere valutato in toto comprendendo anche questo aspetto.

Cilindro di pellet
(Cilindro di pellet)

I Watt consumati dalle stufe a pellet, chiaramente, non sono equipollenti, in quanto differenti modelli consentono una potenza di assorbimento variabile: una stufa a pellet canalizzata impiegherà più Watt di una non canalizzata.

Tuttavia, è facile asserire, che le stufe a pellet non sono in grado di garantire un consumo elevato di energia; le più impegnative, infatti, raggiungono un consumo massimo di 640 Watt, ma in generale, la potenza di assorbimento è pari a quella di un PC acceso, una televisione a LED o 2 lampadine da 40 W.

Considerando l'accensione giornaliera di una stufa a pellet, per la durata di 12 ore, con una potenza media, il consumo si attesterà ad una spesa di circa 0,15 centesimi al giorno: cifra irrisoria se paragonata a quella garantita dalle altre forme di riscaldamento.

COME CALCOLARE IL CONSUMO DELLE STUFE A PELLET?

Qui di seguito si segnala un link, il quale consente di calcolare il consumo energetico della stufa a pellet; inserendo tutti i campi necessari, ovvero la potenza dell'impianto e le ore di accensione; il programma consente di eseguire un calcolo preciso per conoscere il rendimento energetico di una stufa a pellet.

Il portale, inoltre, vi consentirà di paragonare il consumo degli altri combustibili e verificare immediatamente il risparmio del pellet.

Dunque, per conoscere l'effettivo consumo della stufa a pellet è necessario collegarsi a bluenergy.eu.

Autore

Dott.ssa Sara Tomasello

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)