Cucinare evitando l'uso del gas: ecco quale apparecchio acquistare

Termocucina ed induzione: due modalità - una più datata, l'altra più moderna - per cucinare facendo a meno del gas. I vantaggi sono molteplici, tra cui un maggiore risparmio energetico e un più alto grado di efficienza.

Cucinare senza utilizzare il gas e magari risparmiare sulla propria bolletta? E' possibile farlo, da una parte facendo ritorno ad una modalità di cucina più datata, la termocucina, dall'altra a un sistema più moderno, l'induzione

La termocucina: cucinare, riscaldando l'ambiente

La termocucina è simile ad una stufa, ma dispone, sulla parte superiore di un piano di cottura. Il vantaggio principale nell'utilizzarla è che, oltre a cucinare, permette di riscaldare anche l'ambiente in cui si vive e produrre acqua calda, naturalmente con l'installazione di adeguati impianti.

esempio di termocucina

(Un esempio di termocucina, dotata anche di forno)

Esistono termocucine di diverse dimensioni a seconda di quanti "fuochi" si desidera avere (un po' come il piano gas); tuttavia, in generale sono ingombranti, ma è anche vero che assicurano un'alta produzione di calore. Inoltre, nelle termocucine di grandi dimensioni è possibile includere anche un forno.

Le termocucine, poi, si differenziano in base alla potenza: vanno dai 6 ai 30 kW. Hanno un buon rendimento termico, pari al 70%, con la possibilità, a seconda del modello, di bruciare il monossido di carbonio derivante dalla combustione primaria e migliorare ulteriormente i consumi. Le versioni più moderne dispongono di un pannello di controllo che permette di regolare temperatura e tiraggio, adeguando quindi la combustione alle necessità di cottura.

Le termocucine possono essere alimentate, come da tradizione, a legna, oppure a pellet, ma ci sono apparecchi, detti policombustibile che possono anche utilizzare una combustione mista legno-pellet.

Gli svantaggi, come nel caso delle stufe "semplici", sono due:

  • occorre ricaricarle e quindi trasportare in casa legna o sacchi di pellet;
  • se più elementari o mal regolate, rischiano di surriscaldare l'ambiente in cui vivete, poiché producono davvero molto calore.

La cucina ad induzione: cottura perfetta, risparmio energetico

La cucina ad induzione è perfetta nel caso di abitazioni dotate di pannelli solari, in quanto per funzionare utilizzano l'elettricità. Un sistema che sfrutta l'energia del sole permette di contenere i costi della propria bolletta della luce. Tuttavia, anche senza pannelli solari la cucina ad induzione è un sistema di cottura più efficiente. Infatti, i piani a induzione moderni sfruttano al meglio la potenza dell'energia elettrica ottenendo più velocemente il calore rispetto ai piani a gas (o elettrici). Cucinando a induzione si sfrutta il 90% dell'energia assorbita, mentre con un sistema a gas soltanto il 55%. Il risultato, quindi, è semmai una parità di costo (senza pannelli), ma con guadagni dal punto di vista della velocità e della sicurezza.

esempio di piano a induzione

(Esempio di piano a induzione)

Inizialmente, il problema principale delle cucine ad induzione risiedeva nel fatto che l'abitazione doveva essere dotato di un contatore da 3kW. Oggi, però, esistono piani ad induzione che permettono di impostare la potenza massima d'assorbimento, che può essere anche pari a 1kW.

Per cucinare su un piano ad induzione, però, servono delle pentole adatte, ovvero che abbiano un fondo ferroso. La compatibilità delle pentole è riportata sul fondo delle stesse: l'80% delle pentole in acciaio (anche anti-aderenti) o in ghisa sono comunque utilizzabili; anche la classica moka, essendo in acciaio, funziona. Oltre a verificare la dicitura riportata sul fondo è possibile fare una semplice prova: se appoggiando una calamita sul fondo della pentola essa aderisce, vuol dire che può essere utilizzata. Ma niente paura se si poggia una pentola non adatta sul piano a induzione: non lo rovinerà, semplicemente il calore non verrà emesso e, nella maggior parte dei sistemi, la zona cottura si spegnerà.

Come si diceva prima, il sistema a induzione è anche più sicuro: infatti, i piani a induzione rimangono freddi anche durante la cottura, quindi scaldano solo la pentola. E, soprattutto, se il piano non rileva la pentola, la cottura non viene attivata. Se capita di lasciare oggetti di piccole dimensioni sul piano cottura, inoltre, quest'ultimo non si attiverà, poiché ha bisogno di un diametro minimi per l'attivazione.

Autore

Dott.ssa Giulia Scatolero

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)