Come pulire un termocamino idraulico

Con il romantico design del vecchio caminetto a legna, Il termocamino idraulico è un ottimo sistema di riscaldamento domestico. Per ottenere un buon rendimento e per prevenire costose riparazioni tecniche è fondamentale una pulizia quotidiana dell'impianto del termocamino.

Il termocamino idraulico – versione moderna del classico caminetto a legna – costituisce un ottimo sistema di riscaldamento domestico, in grado di sostituire completamente la caldaia, fornendo acqua calda per la cucina e i sanitari.

Ideale per riscaldare anche gli ambienti più grandi e a più piani, il termocamino idraulico è la scelta giusta per chi vuole risparmiare sul riscaldamento, senza rinunciare ad un ambiente piacevolmente riscaldato. 

Con il romantico design del vecchio caminetto a legna realizzato con monoblocchi in acciaio o ghisa coibentati con materassini di lana di roccia o vetro, si compone di un'ampia camera di combustione.Il calore prodotto dalla combustione della legna – in tempi molto brevi – riscalda l'acqua dell'impianto portandola a temperature molto elevate; questa giunge, così, alle tubature e provvede a riscaldare termosifoni o radiatori.

Per ottenere un buon rendimento e per prevenire ed evitare costose riparazioni tecniche è fondamentale una frequentemente pulizia dell'impianto. 

Monoblocco idro a legna

Interno con termocamino idraulico ventilato

  • Pulizia del vetro ceramico

I termocamini idraulici sono dotati di un vetro ceramico resistete al calore fino ad una temperatura di circa 800°C, che permette di vedere la fiamma, creando quella romantica atmosfera tipica del caminetto a legna. Tuttavia, se non pulito periodicamente, con l'utilizzo dell'impianto il vetro si annerisce. La pulizia del vetro del termocamino, infatti, andrebbe eseguita tutti i giorni prima di accenderlo, in questo modo si eviterebbe il formarsi di incrostazioni difficili da rimuovere.

Il modo più semplice e soprattutto più economico per ripulire il vetro della stufa è utilizzare la stessa cenere prodotta dalla combustione. A camino freddo, basterà prender un foglio di giornale, bagnarlo nell'acqua calda e poi intingerlo nella cenere. Bisognerà dunque sfregare fin quando il vetro non sarà pulito del tutto, a questo punto bisognerà lucidarlo e asciugarlo con della carta assorbente da cucina bagnata con dell'aceto di vino bianco, passando più volte sulla superfice. Il risultato sarà stupefacente e super conveniente!

Questo metodo, però, risulta efficace se fatto con cadenza quotidiana, ma per i più pigri che hanno lasciato incrostare il vetro, non resterà che ricorrere a prodotti specifici reperibili dal ferramenta o nei negozi di bricolage.  Si tratta di prodotti chimici aggressivi che possono causare irritazioni, quindi è consigliato indossare sempre un paio di guanti di gomma. Sempre a termocamino freddo, bisognerà spruzzare sul vetro il prodotto, lasciarlo agire qualche tempo, risciacquarlo con abbondante acqua e asciugarlo con un panno o della carta assorbente.

Pulizia vetro ceramico

Pulizia del vetro ceramico del termocamino

  • Pulizia del focolare

La struttura del termocamino e l'ottima combustione, sono appositamente studiati per facilitare l'autopulizia delle superfici interne, in quanto i residui della combustione non si attaccano allo scambiatore superiore, e non vi è la necessità quindi, di un faticoso intervento manuale. L'unica pulizia necessaria, sarà quella di rimuovere la cenere accumulata. La cenere andrà prelevata quotidianamente, prima di ogni accensione.  La cenere potrà essere rimossa in modo classico (con una paletta, una scopina di ferro e un bidone di alluminio) o attraverso i moderni aspirapolveri per ceneri  chiamati appunto bidone "aspiracenere".

  • Pulizia della canna fumaria

È buona norma pulire la canna fumaria ogni anno per garantire sempre un efficace tiraggio dell'aria comburente, ma ci sono dei particolari sentori che ci ricordano quando è necessario attivarsi: la caduta improvvisa di fuliggine nel focolare e Il continuo odore di fumo attorno al termocamino. Per una pulizia continua e costante basterà acquistare dei prodotti specifici, reperibili dal ferramenta o nei negozi di bricolage. L'impiego di questi prodotti è molto semplice: basterà accenderli e procedono da soli, in totale autonomia a scollare eventuali residui di fuliggine dalle pareti della canna fumaria.

Per pulizie più approfondite, bisognerà intervenire dall'alto con uno scovolo. Bisognerà innanzitutto asportare le piastre della parete interna posteriore e rimuovere il comignolo. A questo punto bisognerà pulire tutta la canna fumaria fin dentro il termocamino con lo scovolo. Per ottenere un risultato efficace e da professionisti è consigliabile fare quest'operazione a coppia: una persona sarà sul tetto e inserirà lo scovolo al quale avrà appeso una corda con un peso di circa 2 kg, in modo che la persona che sta dalla parte del focolare può prendere la corda. Con un movimento sincronizzato di tira e molla, tra le due persone, si riuscirà a ripulire perfettamente la canna fumaria. Una volta terminata la pulizia bisognerà rimontare il comignolo, liberare i passaggi interni dalle scorie cadute e rimontare le piastre. 

Monoblocco idro a legna in acciaio/refrattario completo di kit idraulico per acqua CALORIFERI.

Monoblocco idro a legna in acciaio/refrattario completo di kit idraulico per acqua caloriferi

Autore

Giornalista Tiziana Simeoli

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)