Come prevenire la muffa da condensa?

Come prevenire la muffa? Come intervenire nei casi più semplici? Ecco alcuni consigli utili per evitare che le pareti delle nostre abitazioni siano invase dalle muffe, sia utilizzando semplici prodotti fai da te, sia nel caso di antimicotici specifici da trovare sul mercato.

La presenza di muffa all'interno delle nostre case, è probabilmente uno dei problemi più annosi e diffusi in tutti i tipi di unità abitative, dagli appartamenti alle ville. L'umidità è l'elemento che ne permette la nascita e la crescita, sotto forma di un fungo che si allarga a macchie di colore verde o nero sulle pareti e sul soffitto. L'habitat prediletto della muffa sono gli ambienti con scarsa ventilazione e illuminazione, ma sono diverse le cause che ne permettono la sua proliferazione, come la condensa. Vivere in un ambiente umido significa vivere in un ambiente malsano, poiché la muffa libera nell'aria delle tossine che sono dannose per la nostra salute, in particolar modo viene indebolito il sistema immunitario e i 

Il bagno e la cucina sono i locali più favorevoli allo sviluppo della muffa e dei funghi, proprio in virtù del vapore che si forma per le docce o la preparazione dei cibi. Il consiglio basilare è quello di consentire una buona areazione dei locali, o comunque prevedere sempre la presenza di una fonte di calore come un termosifone, in modo che il vapore venga assorbito impedendo la formazione delle fastidiose macchie sui muri.

Abbiamo dei casi di degrado avanzato che prevedono l'intervento di tecnici specializzati con azioni invasive tipo iniezioni di resina nelle pareti, ma nei casi in cui la muffa è all'inizio possiamo intervenire con dei rimedi fai da te che ci permetteranno di arrestare il fenomeno prima che riesca a diffondersi.

 

METODI CASALINGHI

Esistono dei rimedi fai da te per togliere le macchie di muffa sulle pareti. Il primo fra tutti è l'utilizzo della candeggina. Occorre mescolare in mezzo litro d'acqua a due cucchiai di candeggina, e passare con uno straccio sulle macchie. Aspettare per circa un quarto d'ora e successivamente rimuovere con attenzione le macchie. Naturalmente, per questa operazione è consigliabile utilizzare dei guanti in lattice. In particolar modo nei bagni, il vapore è il nostro nemico per eccellenza, e possiamo contrastarlo utilizzando una ventola, da lasciare accesa per qualche minuto anche dopo che siamo usciti dal locale.

Per togliere invece la muffa dalle piastrelle o altre superfici (tipo l'interno della doccia) occorre mescolare una tazza di acqua con un bicchierino di aceto bianco. La miscela deve essere applicata sulle superfici aggredite dalla muffa, e deve essere poi rimossa con acqua dopo circa un quarto d'ora.

Possiamo inoltre realizzare uno spray antimuffa fatto in casa: in un apposito recipiente dobbiamo mescolare una tazza di acqua con mezzo cucchiaio di olio essenziale di tea tree. Lo spray deve essere spruzzato direttamente sulle macchie, e successivamente non occorre un risciacquo.

TRATTAMENTI SPECIFICI

Ci sono in commercio dei trattamenti specifici per contrastare la muffa, che possono essere applicati in diverse modalità, o direttamente sulla zona contaminata, o spruzzati o passati con un rullo. Ad esempio VitalProtect Aktiv è un prodotto atossico e non inquinante che può essere spruzzato sulle macchie che sono al primo stadio. Nel caso ci troviamo di fronte a una muffa che si è già sviluppata e si sta estendendo sulla parete si può utilizzare un prodotto più specifico come il Vip Sanifix Disinfettante Antimuffa, che deve essere disciolto in acqua (ci sono proporzioni ben specifiche, che vede nello specifico un flacone di 250 ml con sei litri di acqua). Dopo che il prodotto è stato applicato occorre un intervento di pitturazione per fare in modo che il danno causato dalla muffa venga riparato. Conseguentemente anche la pittura utilizzata deve essere ben specifica (ad esempio con resina siliconica), in modo che abbia un'azione nel tempo con caratteristiche di permeabilità e idropellenza, e quindi resistente al vapore.

Un buon prodotto antimicotico è il Paramatti antimuffa spray, che viene utilizzato anche in scuole ed ospedali per la sua azione disinfettante, e che riesce ad essere attivo per più di dieci giorni. Come tutti gli altri trattamenti deve essere spruzzato direttamente sulle aree interessate e lasciato ad agire per un minimo di otto ore.

Articolo letto 983 volte

Autore

Luigi Boccia

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)