Che differenza c'è fra carbone, carbonella e pietra lavica?

Oltre ai barbecue elettrici o a gas, il metodi tradizionale di alimentazione, che avvicina molto il barbecue al camino è la legna ma esistono altri tre combustibili molto utilizzati, ovvero il carbone, la carbonella e la pietra lavica. Ma quali sono le differenze fra questi? .

Per l'alimentazione del barbecue, molti sono i metodi e differente è la resa sia del fuoco che della cottura del cibo.

Oltre ai barbecue elettrici o a gas, il metodo tradizionale di alimentazione, che avvicina molto il barbecue al camino è la legna ma esistono altri tre combustibili molto utilizzati, ovvero il carbone, la carbonella e la pietra lavica.

Ma quali sono le differenze fra questi?

Carbone

(Carbone)

CARBONE

"(o carbon fossile) è un combustibile fossile o roccia sedimentaria estratto da miniere sotterranee, a cielo aperto o prodotto artificialmente. (..) È un combustibile pronto all'uso, formatosi entro rocce sedimentarie di color nero o bruno scuro; composto principalmente da carbonio, tracce di idrocarburi, oltre a vari altri minerali accessori assortiti, compresi alcuni a base di zolfo". Il carbone è stato molto sfruttato durante la rivoluzione industriale ed è la principale causa dell'inquinamento atmosferico, a causa delle emissioni tossiche e dannose nell'atmosfera di anidride carbonica.

Carbonella

(Carbonella)

CARBONELLA

Nonostante questo prodotto abbia un nome simile al carbone, la carbonella non ha niente a che fare con il precedente. Deriva, infatti, dal legno ed è "conosciuta anche come carbone vegetale, è un combustibile derivato dalla trasformazione della legna. Il processo di lavorazione della legna avviene mediante alcuni passaggi. Il primo è quello del taglio della legna e della successiva asciugatura. La trasformazione del legname in carbonella avviene attraverso la carbonizzazione in forni di mattoni o forni in acciaio".

La prima differenza fra i due materiali è molto semplice: per creare una buona fiamma è necessario utilizzare una quantità maggiore di carbone rispetto alla carbonella, ma la stessa fiamma ed il calore da essa sprigionato ha una durata più lunga.

Pietra lavica

(Pietra lavica)

PIETRA LAVICA

Questa viene utilizzata principalmente in quei barbecue che vengono alimentati anche a gas. "Nel barbecue a pietra lavica sono comunque presenti fornelli o fuochi, ma, anziché proiettare la fiamma direttamente sulle pietanze, questi fornelli riscaldano una lastra di pietra ignifuga posizionata al di sopra, che diventa incandescente. Il calore emanato dalla lastra cuoce i vari cibi che sono posizionati a loro volta sulla griglia che si trova in alto. In questo modo, quando i liquidi e i grassi di cottura dei diversi cibi si riversano sulla pietra, evaporano immediatamente, arricchendo le pietanze di aromi e rendendole, quindi, più saporite". Per utilizzare questo metodo, occorre avere alcune accortezze: avere dei fuochi molto potenti e preriscaldare le piastre prima di adagiare il cibo sulle griglie.

Questo significa che l'ultimo metodo è sicuramente il migliore per i cultori del barbecue, per vari motivi, ovvero: le pietanze risultano molto più saporite (le sostanze e i grassi che colano dal cibo sulla piastra vengono riscaldati ed evaporano, andando ad attecchire nuovamente sul cibo), la pietra lavica è un materiale naturale e non trattato quindi non emana nessuna sostanza nociva, al contrario del delle esalazioni del carbone e, infine, non c'è contatto diretto con la fiamma.

Articolo letto 3.891 volte

Autore

Dott.ssa Chiarina Tagliaferri

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)