Canne fumarie e stufe a pellet. Ecco il kit pulizia

La pulizia delle stufe a pellet è una serie di operazioni necessarie per il corretto funzionamento della stessa. Oltre alla pulizia ordinaria, si deve effettuare, di tanto in tanto, anche quella straordinaria con la manutenzione delle canne fumarie. Uno strumento che rende più semplice questa operazione è il kit pulizia.

Una corretta manutenzione della stufa a pellet apporta molti vantaggi.

Prima di tutto una stufa ben pulita è anche ben funzionante. In secondo luogo, la combustione produce meno residui quando le canne fumarie aspirano meglio proprio perché sono pulite. Un importante fattore per cercare di ridurre questi residui, appunto, è naturalmente la scelta della legna e del pellet. Sempre meglio una scelta di ottima qualità.

Ma quando è il momento di pulire la stufa? Semplice, basta osservarla. Lo sporco si deposita molto sul vetro e i residui incombusti della legna o del pellet sono molti di più del normale. La pulizia della stufa, quindi, è assolutamente necessaria ma non sempre bisogna fare i grandi lavori. Infatti, si può effettuare una pulizia ordinaria e una straordinaria.

Pulizia ordinaria di una stufa a pellet

(Pulizia ordinaria di una stufa a pellet)

PULIZIA ORDINARIA

La maggior parte delle stufe a pellet presenta una funzione automatica che si chiama "funzione pulizia stufa". Basta attivarlo ed il gioco è fatto.

Quando, invece, questa funzione è assente, le operazioni da fare sono comunque molto molto semplici. Bisogna rimuovere tutta la fuliggine e la cenere sia dal vano del fuoco sia dal cassetto sottostante di raccolta. Per fare questo si può utilizzare sia un aspirapolvere o un aspirabriciole sia una spazzola con setole resistenti.

Per la pulizia del vetro o per rimuovere la presenza di piccole incrostazioni nell'interno, si deve usare solamente l'acqua, al massimo aceto o limone o bicarbonato. Molto sconsigliato usare detergenti a baso di sapone.

PULIZIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Questa consiste nel pulire la camera di combustione, la camera dei motori e le canne fumarie. Sul retro della stufa è presente uno sportello che può essere aperto girando le farfalline e si possono togliere tutte le parti amovibili, ovvero le tre piastre in ghisa che comprendono il bruciatore. Qui si può pulire tutto con aspirapolvere e un panno morbido bagnato d'acqua.

Al di sotto delle piastre di ghisa, ci sarà un anello un anello di stoffa che per il secondo anno può essere semplicemente girato, mentre in seguito dovrà essere sostituito. Dietro l'anello ci sarà una linguetta che apre un ulteriore sportello e quella sarà la camera del motore. Pulita anche questa, si potrà procedere alle canne fumarie e qui esistono degli appositi prodotti, o meglio, dei veri e propri kit pulizia.

Kit pulizia per la manutenzione straordinaria di una stufa a pellet

(Kit pulizia per la manutenzione straordinaria di una stufa a pellet)

KIT PULIZIA PER STUFE A PELLET

Qui esistono vari modelli, ovvero vari tipi di confezioni e variano molto in base alla casa produttrice e al numero di accessori presenti all'interno. Uno dei più semplici è composto da tre elementi fondamentali: scovoli di nylon (diametro 80 o 100 mm.), prolunghe flessibili in cavo d'acciaio rivestite in PVC trasparente (2 o 3 m.) e scovolino in nylon multiuso (diametro 20 mm.).

Per mezzo di questi semplici, la pulizia delle canne fumarie è molto semplice. Innanzitutto, bisogna sganciare il tappo terminale in basso, meglio se prima vi si posiziona un foglio di giornale in modo che la fuliggine vi caschi sopra e non sporchi tutto intorno. Poi, utilizzando lo scovolo agganciato al tubo flessibile bisogna inserire lo stesso all'interno della canna e strofinare.

Alcune varianti di questi kit possono avere spazzole in metallo, o prolunghe rinforzate e dotate di comoda maniglia oppure ancora essere universali per tutte le spazzole. Questi kit sono facilmente reperibili sia nei negozi specializzati, che in quelli di hobbistica ma anche on line. In quest'ultimo caso, un buon kit costa circa 25e.

Articolo letto 1.718 volte

Autore

Dott.ssa Chiarina Tagliaferri

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)