Attenzione, quando la temperatura in casa è troppo alta, la respirazione ne risente

Secondo il dottor Ciccarelli la temperatura di un ambiente interno in inverno non dovrebbe mai superare i 22 gradi e ne consegue che tenere i termosifoni ad una temperatura troppo alta è un errore. Lo stesso discorso vale per il tasso di umidità o per l'uso di tutti questi apparecchi che producono fuliggine o fumi di scarico, come la cenere dei camini o delle stufe.

In inverno, specialmente negli ultimi anni, si ha la tendenza ad alzare la temperatura degli ambienti interni, che siano questi della nostra abitazione o dell'ambienti di lavoro o ancora nei negozi. Questo può portare sicuramente ad una sensazione piacevole in termini percettivi ma non giova al nostro organismo.

Secondo le normative italiane in merito di riscaldamento degli ambienti domestici, sono state stabilite delle tempistiche molto precise per l'accensione degli stessi impianti e anche le temperature medie che questi devono mantenere. Il discorso diventa molto più rigido quando gli impianti diventano condominiali e centralizzati. Queste regole, molto spesso, non vengono strettamente osservate e accade che le temperature interne si alzino notevolmente sia per mezzo degli impianti stessi che con l'ausilio di altri apparecchi, come le stufette elettriche, il camino oppure le stufe a pellet o legna. Ne consegue che si ha la sensazione del rientro a casa diventi ancora più piacevole ma, inconsciamente, si causano tanti problemi al sistema respiratorio.

Problemi di respirazione a causa di temperature troppo alte in casa

(Problemi di respirazione a causa di temperature troppo alte in casa)

Opinioni e consigli su questo argomento sono state esposte da due esponenti molto importanti, Michele Ciccarelli, pneumologo e responsabile dell'Unità Operativa di Pneumologia di Humanitas, e Roberto Volpe, ricercatore del Servizio prevenzione e protezione (Spp) del Cnr di Roma.

Secondo il dottor Ciccarelli la temperatura di un ambiente interno in inverno non dovrebbe mai superare i 22 gradi e ne consegue che tenere i termosifoni ad una temperatura troppo alta è un errore. Lo stesso discorso vale per il tasso di umidità o per l'uso di tutti questi apparecchi che producono fuliggine o fumi di scarico, come la cenere dei camini o delle stufe.

"Purtroppo per via dell'esposizione, per infissi sempre più spessi e a prova d'aria o per una scarsa coibentazione degli edifici. Oggi viviamo in ambienti umidi. Ci sono stanze della casa in cui il tasso d'umidità supera il 60-70% e questo favorisce la proliferazione di microrganismi, muffe e acari della polvere, agenti allergenici per i pazienti. bisognerebbe creare le condizioni per un ricircolo continuo d'aria, tenendo sempre ben areate le stanze e usando se è il caso dei deumidificatori".

Problemi di respirazione a causa di temperature troppo alte in casa

(Problemi di respirazione a causa di temperature troppo alte in casa)

Le temperature troppo alte all'interno di un ambiente provocano la proliferazione di acari o microrganismi che si insinuano all'interno dell'organismo e provocano danni al sistema respiratorio, specialmente in soggetti deboli. A questo proposito, continua il dottor Ciccarelli: "Spesso d'inverno sostiamo in ambienti in cui l'aria è rovente ma un'aria troppo calda e secca, anche se non è una causa diretta di patologie, può diventare un "innesco" per alcuni soggetti con problemi respiratori. Ad esempio, nelle persone che soffrono d'asma l'aria troppo calda finisce per modificare la natura delle mucosa che ricopre le pareti bronchiali e ciò crea difficoltà respiratorie".

Una situazione identica ma con parametri inversi, accadeva in passato, spiega Roberto Volpe: "Le basse temperature delle case di qualche decennio fa erano senz'altro deleterie, in quanto provocavano geloni, patologie acute delle vie respiratorie (dalle faringiti alle bronchiti) e spesso peggioravano le malattie croniche dell'apparato respiratorio (asma, enfisema) e cardiovascolare".

Articolo letto 1.055 volte

Autore

Dott.ssa Chiarina Tagliaferri

Visualizza l'elenco dei principali articoli

(Clicca sulla cartella per espandere più articoli)